Venus Bitch University

DIALOGO PLATONICO DEL XXI SECOLO (ovvero raccolta differenziata commenti presente e precedente post… under construction…)

Zamax: Lo so bene che qualcuno dirà che Fini non ha detto quello che i media hanno riportato e che poi ha di nuovo puntualizzato che ecc. ecc… ma, insomma, ad una certa età e con una certa esperienza, o si sparano con candore virtuose cannonate in tutta coscienza, o si cerca di articolare il proprio pensiero il modo tale da lasciare il minor spazio possibile alle mistificazioni.

(Mentre scrivevo questo vedevo con assoluta chiarezza Zamax come nuovo protagonista della politica italiana passare il 90% del suo tempo a sparare cannonate e il 10% a tornire riguardose precisazioni…)

Vincenzillo: Io quella sera ero davanti alla tv e ho seguito il discorso di Fini. Vi assicuro che ha detto esattamente quello che dice Zamax, usando quasi le stesse parole: “i fatti incruenti di Torino da un punto di vista sociologico-politico, e solo da quello, erano più allarmanti o significativi dell’assurdo omicidio degli emuli veronesi dell’Arancia Meccanica”. [scritte in precedenza da Zamax, N.d.Z.] Ha perfino usato la stessa intonazione (tipo l’inciso “e solo da quello”). A ulteriore riprova di due fatti:
1. I giornali italiani ci godono a distorcere i fatti e le parole e a fomentare polemiche sul nulla. Cosa in cui riescono benissimo grazie all’ignoranza e alla malafede di molti giornalisti.
2. Zamax è già pronto a scendere in campo per la libertàààà!!!

Zamax: Ah così ha detto Fini? Ma forse prima dell’intervista in TV si era lasciato sfuggire qualche parolina da un’altra parte… boh! Comunque son polemiche dal fiato corto.
P.S. – Adesso capite perché la lista dei ministri ritarda, eh? I problemi riguardo al nome del prossimo ministro della giustizia e al posticino da assegnare a Ronchi sono solo una cortina fumogena che nasconde il vero nodo della questione: quale incarico affidare al sottoscritto. Perché Silvio mi vuole, assolutamente mi vuole, se non al timone, molto ma molto vicino al nocchiero del suo governo. Gli è venuta un’idea geniale: dopo i ministri di serie A veri e propri, e i ministri di serie B “senza portafoglio”, ha deciso motu proprio & ad personam – in via eccezionale – di creare la nuova e trasparente figura del ministro “con le tasche vuote”, che a dispetto del nome non esattamente pomposo avrà un ruolo centrale nell’azione di governo.
E’ vero che non è proprio la mia vocazione, come ha ben intuito Nessie: io mi vedrei con molta naturalezza nel ruolo di “guru-artista-commediografo-attore-filosofo-attorniato-da-femmine-adoranti” ma per il bene della Patria farò questo sacrificio, perché io non invidio affatto i politici, per quanti soldi prendano: la politica è una mezza schiavitù.
Già Seneca per qualche anno – e per la fortuna dei sudditi – resse quasi da solo le sorti dell’Impero Romano; poi implorò Nerone – virilmente, eh! – che gli restituisse la libertà di scrivere i suoi libri immortali.
Montaigne era in giro a cavallo e se la spassava magnificamente nel suo Grand Tour per l’Italia quando gli comunicarono ufficialmente che glielo avevano messo in quel posto, eleggendolo in contumacia sindaco di Bordeaux. Resistè eroicamente al quel colpo che avrebbe ammazzato un toro, e obbedì da vero saggio, tornando a casa col passo rilassato del turista.
E allora, perché non dovrei anch’io obbedire quando la patria chiama?

(Non prenderò un soldo. Ci rinuncio. Ho invece chiesto a Silvio per ragioni di efficienza un numero robusto di collaboratrici, che sceglierò in base alla bellezza, perché è ora di finirla con questo razzismo politicamente corretto contro le oche giulive di bell’aspetto.)

Zagazig: “i fatti incruenti di Torino da un punto di vista sociologico-politico, e solo da quello, erano più allarmanti o significativi dell’assurdo omicidio degli emuli veronesi dell’Arancia Meccanica”.
..ed è comunque una str……poi spieghiamo a Fini cos’è la piramide di Maslow.

Zamax sei stato sostituito da un dottorando in diritto d’impresa!!!.. dovresti abiurare il tuo duce o al contrario dedicargli una poesia come fece a suo tempo il nuovo Ministro dei Beni Culturali.
Questo è il canovaccio per riuscire nel partito.

A Silvio

Vita assaporata
Vita preceduta
Vita inseguita
Vita amata
Vita vitale
Vita ritrovata
Vita splendente
Vita disvelata
Vita nova

(Sandro Bondi)

..l’è un gran governo!!!!..

Zamax: Ogni giorno se ne impara una! La Piramide di Maslow non la conoscevo: per fortuna c’è Wikipedia che ci aiuta tutti a non fare brutta figura e a rispondere brillantemente quasi in tempo reale… se uno non fosse pigro come il sottoscritto! La Piramide può aspettare e alla prima occhiata non m’è piaciuta affatto…
Non sono deluso. Da qualche parte te l’avevo già detto, se ricordi bene, che non mi facevo nessuna illusione sulla riconoscenza dei politici. Avevo pronosticato per te un buon posticino qual fotografo di corte, e niente è ancora perduto: adesso chiamo ‘o maestro (Apicella). E comunque ora la via per la gloria nel mondo della cultura è spianata. Certo che impegolarsi in una tenzone poetica con Sandro Bondi è davvero una cosa che fa tremare i polsi. Comunque ci provo:

A Silvio Augusto

Come Fratello Sole coi raggi tuoi infiammi il nostro cuore.
Come Sorella Luna alzi la marea del nostro amore
e con ferma dolcezza aggioghi l’onda del nostro dolore.
Nei nostri petti qual Marte Invitto infondi ardore;
e di gioia giovinetta annunci rechi qual Mercurio Corridore.
O di Giove il saggio consiglio òffrici – piccolo padre! – a tutte l’ore,
e del nettare di Venere saziaci, porgendo corone di fanciulle in fiore!

(Zamax)

Zagazig: Zamax meglio tu!!!!!..anche come poeta!!!

Zamax: Beh grazie! Certo il componimento di Bondi era limato, controlimato, meditato, contromeditato, e infine sublimato in un osso di seppia. La mia era tutt’al più un’improvvisazione. Tuttavia chi storcesse il naso per la metrica, sbaglierebbe: il mio infatti è un blank verse shakespeariano rimato che ho personalmente brevettato. Non per vantarmi, ma sono Poet Laureate: alloro conseguito presso la prestigiosa Venice Beach University (CA). Lì vicino c’è un villaggetto innaffiato dagli spruzzi dell’Oceano Pacifico. Sua unica attrattiva – a parte l’amenità del luogo – un pittoresco baraccone colorato stile Old New Orleans: è la Venus Bitch University, dove studenti dotati ma poveri in canna si guadagnano con carmi e odi i favori di cortigiane d’altri tempi…

Zagazig: ..la poesia non paga Sir Zamax…

Zamax: Il vero poeta ha per mira l’immortalità, quindi non ragioniam di questo, ma guardiamo e passiamo…

Il Mango di Treviso: Certo che Bondi…..

Zagazig: Mango e che fai, mi attacchi un Ministro senza contraddittorio?!!..

Zamax:

A Sandro

Uomo buono
Uomo tollerante
Uomo gentile
Uomo sapiente
Uomo schietto
Uomo amico
Uomo vero
Uomo uomo

(Zamax, anche a nome del Mango e di Zagazig)

Advertisements

5 thoughts on “Venus Bitch University

  1. A Sandro

    Uomo buono
    Uomo tollerante
    Uomo gentile
    Uomo sapiente
    Uomo schietto
    Uomo amico
    Uomo vero
    Uomo uomo

    Zamax (anche a nome del Mango e di Zagazig)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s