La lunga marcia berlusconiana (e i suoi effetti)

Continua, passo dopo passo, la lunga marcia della democratizzazione berlusconiana, non molto appariscente ma terribilmente reale per chi deve temerne gli effetti. Essa è così solidamente incardinata sul lato giusto della storia da proseguire il suo cammino senza trovare alcun serio ostacolo nonostante le bombe e bombette che ogni giorno le scoppiano intorno. Anzi, a ben vedere, è proprio il clima epocale di bonaccia, un senso generale d’ineluttabilità, a dare la stura a tante manifestazioni di nervosismo impotente, sia nel campo dei mori sia in quello dei cristiani. Tanto si strepita in un senso, tanto le cose marciano tranquillamente e impietosamente in direzione contraria. All’occhio superficiale può sembrare una cosa sorprendente che Berlusconi resti in sella in barba agli attacchi concentrici di cui è oggetto quotidianamente; che sopravviva baldanzosamente ad un’allure non propriamente presidenziale, e all’assedio oramai internazionale dei firmaioli democratici, sempre numerosi quando si tratta di sparare con frivolezza sulla Croce Rossa; che sia più forte delle proprie debolezze e stravaganze, del cerone e dei capelli tinti; più forte della crisi economica; più forte del neostatalismo municipale di certi legaioli dai denti robustissimi e di quello parafilosofico di certi guru del suo governo; ma questa blindatura è solo il meritato premio per l’uomo politico italiano che con più determinazione e coraggio ha imboccato la strada giusta.

Il muro di Berlino in Italia non è mai completamente crollato: ci è voluto l’impareggiabile o inqualificabile conquistatore di giovani e romantiche femmine che tutto il mondo c’invidia per finire degnamente il lavoro. La glaciazione della guerra fredda aveva questo di comodo per l’establishment: che, almeno a livello di pubblica opinione e di riflesso nell’arena politica, certe questioni culturali, il Risorgimento, la Resistenza, le contiguità tra fascismo e comunismo, ampiamente dibattute fra gli studiosi, erano relegate a mere questioni accademiche. Ma fatta la breccia nel muro di Berlino e culturalmente in quello della priorità anticomunista, l’opinione pubblica ebbe agio – pericolosamente – di vedere la significativa prospettiva storica di quell’ampio viale che al Muro aveva portato e che quel baluardo per tanto tempo aveva nascosto al pubblico. Vecchie verità potevano finalmente acquisire un inedito peso politico, scomode per tutte quelle rendite di posizione che il Muro indirettamente aveva puntellato. Nei libretti di storia del futuro – quelli più stringati – si troverà scritto che Mani Pulite fu un tentativo da parte dell’establishment peninsulare – culturale ed economico – di fermare la storia. Dopo averlo sventato, aver tenuto duro, rimesso in moto il processo naturale di unificazione del paese, ché questo significano i mal di pancia di questi anni, oggi, portata quasi di peso dalle onde lunghe della riconciliazione con la verità storica, la controffensiva della plebe berlusconiana si concentra sui personaggi emblematici della casta laico-repubblicana. E così ora che si rumoreggia di una ripresa possibile delle inchieste sulle stragi mafiose in chiave antiberlusconiana, in mezzo a tanto fumo e nella “maturità dei tempi”, per usare un’espressione biblica, il dato nuovo e saliente riguardo ai fatti del 1992 è però che a finire nel mirino delle artiglierie del Cavaliere con sempre più decisione è proprio l’ideologo principe dell’antimafia, l’eccellente dottor Violante: il che significa che l’opera meritoria di demolizione continua.

E’ spassoso veder lamentarsi di “dossieraggi”, di “killeraggi”, di “trame oscure”, insomma delle vecchie “pratiche d’infamia” di volterriana memoria, gente che di queste cose si è nutrita fin dalla pubertà, che vi è cresciuta dentro tanto da fare dell’allarmismo democratico più o meno intimidatorio una specie di seconda e pavloviana natura: per questo non se ne accorge nemmeno. A differenza della truppa berlusconiana, temprata dal manganello democratico, costoro sono abituati solo a darle, e con gran comodità, e rimangono sbalorditi se il bonaccione brianzolo per una volta si ricorda di essere un autocrate. E si sentono dolorosamente feriti se il piccolo energumeno Brunetta, come tutti i politici di questo mondo, si butta nella mischia armato di appena un po’ di sana e solida demagogia populista: sai che tradimento! che crimine contro l’umanità! E dall’altra parte i berlusconiani sono talmente poco abituati a darle, che al primo colpo hanno affondato naviglio amico, il Boffo. L’Avvenire del duo Boffo-Ruini è stato sostanzialmente un discreto compagno di strada – per così dire – del politico Berlusconi, tant’è che gli articoli critici delle ultime settimane erano più il risultato di un cedimento alle lamentele di parte del mondo cattolico, che il segno di un cambiamento della linea editoriale. Gli è che il Feltri Furioso, oltremodo assorbito dal suo ruolo di cannoniere principe dell’armata berlusconiana, appena ha visto un bersaglio scoperto – a mo’ d’ammonimento – ha fatto fuoco.

Berlusconi è forte perché si è fatto interprete della necessità di un epocale “resettamento” della vita democratica in Italia; per questo chi ha qualcosa da perdere da questo cambiamento evoca fantomatiche dittature e ciancia di popoli ipnotizzati; per questo le fantomatiche classi dirigenti dopo avergli fatto guerra con tutti i mezzi, e dopo aver chiesto l’armistizio, si illudono ancora di non dover pagarne il prezzo. Il berlusconismo è più forte di Berlusconi; il giorno della sua tanto auspicata eliminazione chi ne raccogliesse apertamente l’eredità, quasi un Antonio moderno col cadavere di Cesare tra le braccia, diverrebbe immediatamente l’uomo politico più forte del paese.

Ma se la marcia berlusconiana ha prodotto pure un generale e comprensibile risentimento tra i vinti, ne ha prodotto pure uno di più sottile e malsano nel campo teorico dei vincitori. Che la vittoria nelle elezioni del 1994 abbia avuto effetti devastanti sulla psiche dei sopravvissuti della Balena Bianca non credo vi siano ormai più dubbi. Quando nell’anno fatale l’elettorato bianco saggiamente decise di ridere in faccia all’offerta suicida del polo di centro, la grigia forma di resa firmata senza nemmeno l’ebbrezza estetica di un tragico e preventivo harakiri dal becchino Martinazzoli, degno epilogo a sua volta dell’estenuante eutanasia che l’egemone sinistra democristiana stava mettendo in atto da un ventennio e più, in quel solo momento rivelatore tastarono con mano la superiorità di un dilettante coraggioso fornito una visione strategica nei confronti di tutte le tattiche dei professionisti dell’agone politico, quali essi si credevano. Videro con sollievo – e umiliazione – che non era scontato l’atterraggio morbido in terra postcomunista del nostro paese; che esso dipendeva in gran parte invece dalla diserzione dalla lotta e dalla rappresentitività politica di un partito nominalmente moderato che non aveva saputo mettere argine all’aggressività della falange marxista che da decenni si stava mangiando il paese dal di dentro in virtù di quell’autentica solidarietà mafiosa o piduista tra compagni che caratteristicamente rinfacciava agli avversari politici. Non ebbero allora la necessaria tranquillità di scandagliare in profondità la misura del risentimento verso quel parvenu che pure li aveva raccolti naufraghi. E da allora, son passati ormai tre lustri, questo “post traumatic stress disorder” viene declinato in tutte le sue più diverse forme a seconda dell’individuo affetto dalla patologia. Ma nell’ex democristiano recuperato alla vita politica dal Cavaliere (direttamente o indirettamente, perché anche Andreotti – lodato dagli ipocriti per la “correttezza” dimostrata durante le lunghe vicende processuali che lo hanno coinvolto – sarebbe stato sbrigativamente consegnato al boia senza la creazione di una vera “opposizione” nel paese) esso assume soprattutto le forme del sogno di una grande, scintillante giocata in contropiede che faccia saltare il banco della politica e che mai non arriva, dall’ultima Thule dell’Italia di Mezzo, la nuvoletta di fumo che avvolgeva l’esoterico mistero del Genio Politico di Marco Follini, alle grosse puntate del funambolico pensionato Cossiga, agli Adepti della Setta del Grande Centro e i loro mai dissigillati Libri Sibillini. C’è poi chi, come Buttiglione, si consola non combinando nulla, sprofondandosi in poltrona, incrociando le gambe e gettando uno sguardo profetico nel futuro, vedendo cose negate a qualsiasi altro essere umano, e si crede pure molto in gamba. Poveretto.

[pubblicato su Giornalettismo.com]

P.S. Che noia Berlusconi. Ossia l’antiberlusconismo. Ossia l’Italia. Sono annoiato a morte. Per riuscire a scrivere qualcosa devo recuperare vecchie cose, ché tanto ai testoni fanno sempre bene. Ecco le risposte ai commenti:

1) Come ho già scritto altrove Mani Pulite scoppiò proprio là dove i venti di novità erano più forti, nel Lombardo-Veneto. Il crollo del comunismo internazionale, prima con le crepe degli anni ’70 e ’80 e poi con la cadutra del Muro nell 1989, sbloccò la situazione italiana. Le novità negli anni ’80 furono Craxi e la Lega. Dove il panorama politico era più fragilizzato, insomma là dove DC e PCI erano o più in crisi o erano meno forti, nel Lombardo-Veneto scoppiò Mani Pulite, perché i magistrati si sentivano sufficientemente forti grazie al malumore generale. Fu una grande occasione per una “confessione generale” e per ripartire da nuove e più civili basi ma una magistratura politicizzata ed esemplarmente parziale, sostenuta dagli ex-comunisti e dall’oligarchia industrial-finanziaria, ne approfittò per fare un repulisti di tutti i possibili avversari della conservazione politica ed economica. Mani Pulite ebbe l’appoggio degli italiani per pochi mesi, finché si capì dove si voleva andare a parare.

2) Qualcuno si sorprende perché dico che la sinistra si stava mangiando dal di dentro il paese. Mi sorprendo io. Vogliamo tirar fuori un qualche segmento della società che progressivamente non fosse caduto in mano ad uomini di sinistra: sindacati, pubblica amministrazione, cultura, università, giornali ecc, e perfino in campo economico? La verità è che la DC garantiva solo per la posizione occidentale in politica estera; per il resto il PCI e i suoi satelliti cogestivano il paese insieme alla DC ma se ne impadronivano sempre di più perché assai più spregiudicato, e perché per la mentalità comunista la solidarietà politica (che io chiamo provocatoriamente “mafiosa” e “piduista”) faceva premio sul rispetto dei meriti professionali, e i compagnucci si sostenevano tutti in cordata, trasversalmente nella società, con la tattica delle minoranze militarizzate. Erano insomma gli imbroglioni della democrazia. (P.S. La mafia, i cui effetti sono tanto disastrosi per la società, non è però un “grande potere”; la P2 – non che non esistesse – ma fu una barzelletta)

3) Fa ridere sentire quelli di sinistra elogiare – ora – i De Gasperi e i Moro: a loro tempo per il verbo progressista non erano meno peggio di Berlusconi. Sissignori, anche Moro, di cui non ho affatto una grande opinione. Tanto per capire l’atmosfera di quei tempi un anno prima di morire o forse solo qualche mese prima, non ricordo bene, Moro, guarda un po’ investito dal solito “scandalo” – l’affare Lockeed – e dalla solita gragnuola antifascista, lui che era un uomo che non si sbilanciava mai, disse quelle parole famose che tanto dispiacerebbero ai Di Pietro, ai Zagrebelsky, alle anime democratiche d’oggigiorno: “la DC non si farà processare!”. Tutto dimenticato, tutto digerito, come al solito succede per il gregge di sinistra.

4) Dispiace vedere gente intelligente ripetere come un pappagallo i soliti refrain della vulgata della sinistra. Il CAF, i nani e ballerine, Craxi e il debito pubblico ecc.

“Nani e Ballerine” fu una battuta di Formica, uno dei colonnelli craxiani, segno che da quelle parti c’era almeno il senso dell’umorismo, cosa negata all’uomo democratico di razza purissima. I nani e le ballerine di Craxi erano quattro gatti, i nani e le ballerine della sinistra odierna sono un esercito, ma vanno rubricati sotto il nome di personalità significative della cultura e dello spettacolo. Del CAF faceva parte pure quell’Andreotti amico di tutti che durante i governi Craxi, nelle veci di ministro filoarabo degli esteri, per alcuni anni fu il beniamino del popolo di sinistra (“Lui è l’unico che si salva, l’unico decente! ecce. ecc): ma anche questo se lo sono dimenticato. Dimenticato e digerito, come al solito. Come al solito il gregge di sinistra. Del debito pubblico durante l’era Craxi la sinistra se ne infischiò in lungo e in largo. Era l’ultimo dei problemi. Per il resto Berlinguer e compagnia, che giammai ne combinarono una di giusta, promossero un referendum (che persero) luddista-reazionario-sfondacassedellostato contro il taglio della scala mobile voluto da Craxi.

4) I processi di democratizzazione non si misurano solo col successo delle riforme, ma anche, non mi stanco di ripetere, col riequilibrio dei poteri reali nel paese. Anche una lotta di potere, se combatte le oligarchie, e se fa sì che lo spettro politico del paese rispecchi quello economico-sociale del paese, è importante. E’ necessaria. E’ la base. E’ quello che sta succedendo. Mi compiaccio di una cosa: di capire bene il berlusconismo. Per coincidenza proprio in queste ore Brunetta – non il capo – sta sparando a palle incatenate contro le élites. Domani mi sa che sentiremo tuoni e fulmini, e lagne.

Sapete perché oggi Brunetta cannoneggia contro le élites ed evoca apertamente il “colpo di stato”? Sapete perché? Non certo perché lo tema veramente il colpo dello stato. Il “colpo di stato” le “élites” lo hanno sognato per quindici anni. Ma quando i “poteri forti” sono veramente forti, le parole si misurano, ci si muove con circospezione, nonostante la tensione latente, e si grida solo quando le cose precipitano. Mentre ora sono stati indeboliti, com’è stata indebolita la sinistra, e i berlusconiani hanno meno paura e sentono che è il momento di sfondare. Nel post ho scritto “per questo le fantomatiche classi dirigenti dopo avergli fatto guerra con tutti i mezzi, e dopo aver chiesto l’armistizio, si illudono ancora di non dover pagarne il prezzo”: questo intendevo. Ma è sempre stato così nella storia: quanto più un dittatore è debole, o quanto più un’oligarchia (quella vera, non Berlusconi & C.) è debole, tanto più il popolo (quello vero, non la setta dei firmaioli) rumoreggia. Quanto più il giogo è pesante, e quanto più le speranze di liberazione sono lontane, tanto più si rassegna. Umano, troppo umano. (P.S. ahò, so’ l’infame Franti, l’infame Franti, mica il secchione della classe…)

Esagerato. Moooolto esagerato. Consapevolmente esagerato. E’ vero che l’eliminazione dei corpi intermedi è sempre stato il modo per rinsaldare un potere centralizzato. Così con l’Assolutismo – specie nel caso francese, il più classico – il Re, così paterno col popolo, giorno dopo giorno indeboliva l’Aristocrazia corrompendola coi privilegi e sottraendole ogni potere politico. E i demagoghi vecchi e moderni si sono sempre appoggiati sulle masse dei diseredati – all’uopo ipnotizzati, ça va sans dire – per sciogliere i grumi duri della resistenza. Ma qui stiamo solo mettendo le cose in pari, per il bene dell’Italia. Come fece la gloriosa Serenissima quando conquistò i territori della terraferma. Sparse campagne e città di leoni alati, per far capire discretamente chi comandava, tagliò le unghie alla nobiltà della terraferma, che rosicò assai. Fu così che nel momento più critico della storia veneziana, all’epoca della Lega di Cambrai, Machiavelli, che pur odiando i veneziani rimaneva abbastanza sveglio, si accorse – cosa rarissima per uno stato italiano a quei tempi – che i contadini erano tutti “marcheschi”, ossia tifavano per S. Marco. Oggi c’intronano gli orecchi da mane a sera con le tirate contro il dittatore, con l’evocazione di scenari disastrosi, e vorrebbero far credere, tutti in coro, non una nota stonata, che la libertà è in pericolo: cerchiamo di non essere ridicoli. Un po’ di populismo è inevitabile. Ma quello ce lo mettevano perfino De Gaulle o Reagan. (P.S. Sarei curioso di conoscere Silvietto. Siccome mi conosco fin troppo bene, so che comincerei a prenderlo simpaticamente per il culo per tutte le sue manie, così, per tastare il suo grado di suscettibilità, che è una caratteristica ben poco virile…)

MANI PULITE in pillole disposte con ordine

Anni ’70: segni di crisi del comunismo internazionale. In Italia le due balene, l’una rossa e l’altra bianca. Per riciclarsi a sinistra qualcuno inventa “l’eurocomunismo”; poi Berlinguer, siccome il bel sol dell’avvenire rosso non incanta più, lancia la “questione morale”: i cattivi non sono più i “non rossi” ma “i corrotti”, all’uopo sempre “fascisti”.

Anni ’80: il comunismo piano piano crolla. Lo scioglimento dei ghiacci fa sì le pulsioni modernizzatici, per quanto confusamente espresse e costrette al mutismo da troppo tempo, vengano a galla. A sinistra si afferma il socialismo di Craxi. Naturalmente per la gazzette antifasciste – ossia sovietiche – prima il “decisionismo” di Craxi viene usato retoricamente per alludere a derive fasciste, poi si incomincia la pratica d’infamia contro “i ladri socialisti”. A destra, nell’enorme roccaforte bianca lombardo-veneta, il popolo che votava DC turandosi il naso in funziona anticomunista premia la Lega Nord, che ha il suo boom all’inizio degli anni ’90 quando comincia a pigiare sul tasto della protesta fiscale.

Inizio anni ’90: in Lombardia il quadro politico e sociale è sempre più instabile a causa dei malumori del popolo di “destra”. A farne le spese sono proprio i socialisti, che a Milano hanno la loro capitale morale, ma che in realtà vengono presi di mira in quanto omologati ai rappresentanti del potere politico tradizionale. Mani Pulite scoppia a Milano PROPRIO PERCHE’ I MAGISTRATI SI SENTIVANO CON LE SPALLE ABBASTANZA COPERTE DALL’APPOGGIO DELL’OPINIONE PUBBLICA DI DESTRA DEL NORD, E LOMBARDA IN PARTICOLARE. Il giornale dei “rivoluzionari” di Mani Pulite fu L’Indipendente preso in mano da – guarda un po’ – Vittorio Feltri. All’inizio di Mani Pulite la sinistra fu completamente assente e rimase per un po’ a guardare.

Poi i magistrati cominciarono la loro opera di “selezione”. Apparentemente tutti, forze politiche, piccoli e grandi imprenditori, potentati economici (tranne quello – guarda un po’ – di Berlusca) caddero nelle grinfie dei giustizieri democratici. Ma in realtà con alcuni si usavano metodi sbrigativi, con altri le procure manipulitesche erano dei veri e propri porti delle nebbie. Il popolo di “destra”, quella parte dell’opinione pubblica che in realtà aveva permesso con la sua forza l’avvio di Mani Pulite, si sentì tradito e in seguito costituì il grosso dell’elettorato di Berlusconi, che nel frattempo aveva reclutato Feltri per il Giornale. Solo Di Pietro aveva mantenuto una certa popolarità a destra, in quanto veniva considerato meno politicizzato dei suoi colleghi. Berlusconi gli offrì addirittura un posto di ministro!

Perché, una volta accesa la miccia – dalla destra – vi fu un’alleanza naturale fra l’establishment industrial-finanziario e la sinistra post-comunista, per dirottare l’impresa di Mani Pulite? Perché erano due fazioni che non avevano più niente da dire nella storia; perché con l’eliminazione dei partitini, dei socialisti, dei DC non di sinistra, erano l’espressione di forze puramente conservative le quali, ciascuna nel proprio ambito, controllavano i centri di potere nel paese: banche, finanza, grandi gruppi industriali boccheggianti da una parte; cultura, scuola, buona parte dei sindacati, pubblico impiego ecc. dall’altra. Erano pezzi di Vecchio, ché essendo perfettamente stagionati, e avendo perso ogni originaria potenzialità conflittuale vicendevole, come dei materiali inerti si incastravano uno nell’altro. I loro giornali parlarono con una stupefacente unità d’intenti, fin quando non furono messi in crisi dalla forza berlusconiana. Il loro nemico comune principale l’immensa classe media fatta di piccoli e piccolissimi imprenditori, cui si unirono poi buona parte del mondo delle professionali liberali e dei dipendenti del settore privato almeno al Nord. E pure una grossa parte dei socialisti di allora, che con tutti loro difetti, costituivano pur sempre un elemento di rottura in un’Italia pietrificata. Una plebe, magari non attraente, con le sue grossolanità, ma certo la parte più dinamica ed attiva del paese. Quella che aveva dato inizio – essa, non la sinistra – a Mani Pulite.

Il consolidamento del berlusconismo, sia che si trovi al governo, sia che si trovi all’opposizione, ossia l’accettazione della realtà e la rinuncia a considerarlo un’anomalia, è il presupposto necessario per qualsiasi riforma “liberale” in Italia.

Advertisements

15 thoughts on “La lunga marcia berlusconiana (e i suoi effetti)”

    1. Chi l’avrebbe mai detto che sarei diventato un punto di riferimento per uno psicoterapeuta? Son cose che inorgogliscono. Domattina al bar dando un’occhiata ai giornali e due alla barista mi sentirò anch’io qualcuno!

  1. E beh. Un resoconto formidabile.
    Non vado a leggere di là, inutile sottoporsi alle solite, prevedibili reazioni in stile negazionista, e proprio per questo immagino ti avranno dato contro a manetta. Poichè sospetto questo sia esattamente ciò che t’auguri direi che il lavoro t’è venuto alla perfezione.
    Come si dice: chiunque abbia memoria storica non potrà mai votare a sinistra.

    1. Sai che mi sento in colpa. Ho messo il direttore responsabile in difficoltà. Gli stanno chiedendo spiegazioni. Che c’entra lui? Sono il reprobo. Eppure se la mia rubrica si chiama “L’infame Franti” un motivo ci sarà!!! E l’ho chiamata così proprio perché fiducioso che conoscessero un capolavoro di un loro scrittore di riferimento, il compilatore di Settimane Enigmistiche per snob, tale Umberto Eco. Mah!

      1. E si che l’Umbertone dipinge il novello reazionario, lo stampo perfetto per i ribelli fine anni sessanta coevi alla sua creazione letteraria, facendone apologia somma.
        Immemori come dicevo, in storia e letteratura, nonchè in culto della personalità. Ci sarebbe di che rimandarne qualcuno a settembre se non fosse che stanno vivendo una stagione buia del loro sogno illuminato.

  2. Riguardando i video degli anni novanta dei Guzzanti & Co. , di tutti i comici che facevano satira su Berlusconi, compreso Benigni che iniziò prima della “discesa in campo”, non posso far a meno di pensare, che più se ne parla, più ottiene consensi e voti.
    Bisognerebbe averLa un’alternativa, oltre che cercare di proporla.
    AVERLA tra le mani, in modo concreto, possibile, sperimentata, senza aspettare esempi o aiuti dall’esterno, quantunque ce ne fossero.
    http://blogspillo.wordpress.com

    1. E lo dici ad un berlusconiano? E come mai tutti quei comici – ma proprio tutti -“facevano satira” su Berlusconi, se Berlusconi controllava tutto? Come mai “se ne parlava (male)” tanto e se ne parla tanto se Re Silvio controlla tutto? Non sarà che il “diavolo” Berlusconi serve a coprire il vuoto della sinistra? Certo che se si va dietro ai Grillo e ai Travaglio non si farà altro che perpetuare questo imbroglio.

    2. luciano, va da sé che i miei commenti #8 e #9 davano per scontato che il tuo “Bisognerebbe averLa un’alternativa” si riferisse alla sinistra, ma mi rendo conto che avevo mal interpretato.

  3. luciano, “senza aspettare esempi o aiuti dall’esterno, quantunque ce ne fossero.”
    Sei troppo esigente. Io invece, vista la tempra dei soggetti, mi accontenterei di vederli rinsavire in extremis, con l’aiuto da casa, dal pubblico, o col 50%, qualsiasi cosa pur di veder finire questo strazio. Ma l’inerzia delle cose non mi dà molte speranze.
    Va anche ricordato, a onor del vero, che il nostro zamax si sta prodigando da tempo nel vano tentativo di dare loro qualche buon consiglio dall’esterno, per aiutarli a riemergere dal pantano in cui si sono cacciati, ma non cava un ragno dal buco. E ciò, ai miei occhi, ne fa un eroe della patria e un fulgido esempio di carità cristiana.

  4. zamax, visto che sono totalmente d’accordo sulla tua analisi del passato e del presente, ti faccio una domanda sul futuro. Del resto, a chi dovrei farla se non a un “eroe della patria e fulgido esempio di carità cristiana”, cioè più di un santo e più di un garibaldino? Partendo dalla tua bella immagine dell’erede di Cesare: secondo te, non c’è il pericolo che morto il berlusca il popolo rimasto orbo di luce si rivolga ai centristi? Meglio ancora: chi è che si può ergere a erede del brianzolo sciupafemmine? Voglio dire, visto che Fini già si smarca, Bossi non è molto amato al Sud, Casini e Bocchino, a parte il cognome, non è che diano molte speranze…

    1. Anch’io sono totalmente d’accordo con Zamax. E’ bello trovare qualcuno che apprezza Zamax come il sottoscritto… 🙂
      La “bella immagine di Cesare” avevo qualche remora ad usarla, perché in effetti Caio Giulio fu un dittatore e un demagogo di genio. Ebbe una capacità “negativa” di leggere i tempi; le “virtù repubblicane” proprie dei cittadini-soldati e dei piccoli proprietari-soldati di una città stato, come fu Roma per molto tempo, non avevano più spazio in un vasto impero di latifondi creati dall’ampia disponibilità di schiavi venuta dalle vittorie militari, e di città popolate da masse senza mezzi arrivate dalle campagne e pronte a consegnarsi al tribuno più generoso. Le fondamenta dell’Impero furono gettate sulla perdita delle libertà repubblicane. Era inevitabile. Il cesarismo sopravvisse a Cesare.
      Il berlusconismo, ossia la ristrutturazione e semplificazione del quadro politico italiano, ossia un rafforzamento dell’esecutivo, un rapporto più diretto con l’elettorato, un ridimensionamento dell’importanza dei partiti rispetto ai tempi della “prima repubblica”, e ovviamente per quanto riguarda la sua parte, la creazione di un grosso partito moderato-conservatore a-confessionale – che per fortuna invece è il frutto di una crisi di crescita della società italiana – sopravvivrà a Berlusconi. Come il Gollismo è sopravvissuto a De Gaulle. Però è sbagliato, secondo me, parlare di successione. Berlusconi rimarrà una figura particolarissima, irripetibile, non solo a causa della sua personalità ma anche a causa degli anni in cui ha vissuto la sua carriera politica. Se la guerra “finirà”, se la sinistra saprà ristrutturarsi senza il bisogno di un qualche “nemico”, il problema della “successione” sarà molto relativo e i soliti noti potrebbero anche andar bene. Viceversa, ma spero che non sia quella la situazione, toccherà ad un fedelissimo, di quelli col coltello tra i denti, non necessariamente una figura oggi di primo piano, ma che saprà farsi largo al momento opportuno. Chi? Non ho la più pallida idea. (A meno che Renato Brunetta Bonaparte non stia già pensando a questo…)

  5. Dal mio punto di vista non c’è una parola fuori posto, ma mi sembra già di sentire le obiezioni dei “firmaioli democratici” di cui al post. Esse si rubricano sotto due specie abbastanza consuete. La prima è che Berlusconi non ha fatto mai niente di quanto previsto dal suo manifesto politico, che non è niente più e niente meno di un po’ di fumo negli occhi a quel ceto medio irriflessivo e credulone sempre restio a darsi anima e corpo al riformismo laico. La seconda, diretta conseguenza della prima, è che quindi il sostegno a Berlusconi non è di merito, ma ad personam purchessia, cioè tecnicamente fascista (noi ci permettiamo di essere reazionari e rivoluzionari…a seconda delle convenienze…eccetera, cito a memoria ma il concetto dovrebbe essere chiaro).
    Inutile ribadire che un processo storico non è mai figlio unicamente dei principi, ma pure delle contingenze, e che quindi questi discorsi abbisognerebbero di un bel bagno di realtà: lo dici già tu, ben sapendo che non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire.

    1. Bentornato. Le pause fanno bene. Sforzarsi di scrivere tanto per scrivere, o per tener su il blog coi contatti è sbagliato. Gli stimoli devono essere autentici, non drogati da qualche altra passioncella, o ambizioncella. Almeno per quelli che non lo fanno per mestiere.
      Intanto vedo che ti hanno ospitato su Chicago Blog (…azz..!). M’immagino già i lettori che stanno lì a grattarsi la testa e domandarsi: ma chi è questo genio/pazzo?
      A proposito di sano e virile realismo: ottimo articolo sul Giornale di un certo Benedetto Croce. Non lo vedo affatto il male, il ragazzo.
      http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=385384&START=0&2col=

  6. Figurati, il tempo scarseggia sempre più. Per cui riesco a scrivere sporadicamente, anche perché la scrittura non è un compito da sobbarcarsi “tanto per fare”, nel modo più assoluto. Il blogging compulsivo lo lascio ad altri.
    Sul Benedetto Croce che “il politico onesto è il politico capace” sono sempre stato combattuto, come dicevo nel mio penultimo post. Capace di cosa? questo è il dilemma dell’utilitarismo (crociano e non): l’occultamento dei giudizi di valore.
    Ma non voglio avere l’ennesimo caso di narcolessia sulla coscienza…tanto più che ci tengo molto a leggere i tuoi post con frequenza!
    Ciao, ten bota!

    1. Touché!
      Giusta osservazione, soprattutto per uno come me. Diciamo che il discorso di Croce meriterebbe qualche rifinitura (non facile, non facile), ma ha una sua coloritura polemica che rende comprensibile certe forzature fin quasi paradossali del suo ragionamento. D’altronde al filosofo che, spazientito da tanto infantilismo, batte il pugno sul tavolo possiamo pur perdonare qualche sommarietà, o no?

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s