Una settimana di “Vergognamoci per lui” (46)

Un giorno di gogna non fa male a nessuno. Come dicono i filosofi più in gamba, è tutta esperienza. Su GIORNALETTISMO.COM

ADRIANO GALLIANI 31/10/2011 Per noi tifosi del Milan l’amministratore delegato è il valore aggiunto di ogni goal rossonero. Prima stringiamo i pugni cacciando un urlo di soddisfazione, poi ci tuffiamo idealmente nell’abbraccio dei nostri beniamini in campo, e infine, ciliegina sulla torta, ci divertiamo un sacco nel vedere stravolti i lineamenti di quest’uomo d’invidiabile bruttezza, la cui figura sembra come percorsa da una violenta scarica elettrica, prima di collassare in una specie di catalettica beatitudine. Son cose che i bambini non dovrebbero mai vedere. Tanto più che ora il nostro Adriano, classe di ferro 1944, si fa vedere in tribuna al fianco della sua fidanzata brasiliana Helga Costa. Il contrasto, già scioccante, specie per chi ha il difetto di lavorare troppo con l’immaginazione, “in quel caso” potrebbe diventare traumatico. Anche per gli adulti.

ANTONIO INGROIA 01/11/2011 Il magistrato palermitano ostenta sempre una tetraggine bambinesca che vorrebbe essere carismatica. Aggiungi a questo che la musoneria programmatica è da lustri incorniciata da un disordine congelato di radi capelli e d’ispida barba; aggiungi inoltre che quando parla quest’uomo ombroso non brilla affatto né per originalità né per vivacità; capite bene allora che il sospetto di trovarsi di fronte ad uno zombie è piuttosto robusto. Se poi al Congresso del Partito dei Comunisti Italiani, nell’anno di grazia 2011, gli capita di dire, in tutta serietà, neanche fosse un moccioso alla sua prima uscita col popolo viola, di considerarsi “un partigiano della Costituzione”, allora il sospetto diventa una certezza.

IL GOVERNO DI EMERGENZA 02/11/2011 Detto anche il governo tecnico, il governo di salute pubblica, il governo di responsabilità nazionale, sostenuto da un amplissimo schieramento, appoggiato da tutte le parti sociali. E capace soprattutto di por mano ai necessari, duri ma condivisi provvedimenti: di fare, insomma, quello che l’Europa ci chiede. Quando? Subito, non appena tutte le truppe di questo esercito infinito saranno passate in rassegna, e sarà fatto l’appello, e tutti quanti avranno dato il loro prezioso suggerimento.

GIORGIO GORI 03/11/2011 In attesa che tutto il paese come un sol uomo chieda a quella sagoma – simpatica – di Claudio Lotito di scendere in politica per salvare l’Italia dalla serie B, eccone uno che dalle parole passa ai fatti: il manager infatti si è dimesso dalla Magnolia e dalla Zodiak Active. Ma il prologo è proprio da mezza tacca: “La situazione che stiamo vivendo” dice “fa sì che non sia più tempo, a mio avviso, per chi può farlo, di perseguire solo i propri privati interessi.” Guarda un po’, un altro che parte volontario, un altro che si sacrifica. Mai nessuno che lo faccia per sana ambizione. Se ne vergogna forse? Mette le mani avanti? E poi perché uno, vivendo la propria vita, farebbe solo i propri privati interessi? Non è affatto bello cominciare così, con una leccatina all’opinione pubblica.

CORRADO PASSERA 04/11/2011 Per l’amministratore delegato di Intesa Sanpaolo all’Italia “serve un governo che si comporti diversamente dall’attuale”. Non tanto sul piano dei costi, dove qualcosa è stato fatto, ma su quello della crescita “e dei progetti di sviluppo”. E poi dicono che il socialismo è morto. Sotto mentite spoglie, gode di una salute di ferro. E’ che il termine è passato di moda, e ci si vergogna un po’, nel mondo ovattato dei liberal-piacioni delle altissime sfere, a vestirsi di certi stracci. A loro, un governo che “progetta lo sviluppo”, magari a piani quinquennali, va benissimo: adesso capite perché rompono tanto i marroni con la “classe dirigente”.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s