Articoli Giornalettismo

Una settimana di “Vergognamoci per lui” (59)

Un giorno di gogna non fa male a nessuno. Come dicono i filosofi più in gamba, è tutta esperienza. Su GIORNALETTISMO.COM

IL FATTO QUOTIDIANO 30/01/2012 Che s’indigna perché Berlusconi non ha speso neanche un parola di circostanza per la morte di Scalfaro. Se l’avesse fatto la gazzetta dei puri gliene avrebbe naturalmente rimproverato, con più ragione, l’ipocrisia. Scalfaro era un conservatore frigido. Lo sgusciante e sorridente Berlusconi dovette sembrargli un’immonda bestia politica. Lo odiò istintivamente, come colpito da una rivelazione, tanto da preferirgli la compagnia degli avversari di una vita. Con i quali si trovò a meraviglia, tanto erano diventati parrucconi.

IL MANGANELLO DEMOCRATICO 31/01/2012 Pessima idea degli “indignati” di casa nostra. Pensate: inscenare la solita demenziale protesta contro la cerimonia per il conferimento al grande timoniere Giorgio Napolitano della laurea honoris causa in Relazioni Internazionali (ce l’ha fatta persino lui, che aveva esordito col disastroso passo falso magiaro), nella civilissima e democratica Bologna, alla presenza di uno stuolo di papaveri del governo e della città. Hanno finito per essere discretamente manganellati dalla polizia, e discretamente silenziati dai media, che di solito li adorano. Perfino Repubblica, il cui cronista è stato malmenato dai bravi poliziotti, questa volta ha scritto chiaro e tondo che a cominciare, ad attaccare, sono stati loro. Mentre il solitamente molto inclusivo sindaco Merola ha parlato di “sopruso”: il loro, s’intende. Adesso, senza un cane che li conforti, si staranno grattando la testa: per le botte, e per capirci qualcosa. Perché sono convinto che questi imbecilli non abbiano ancora capito il duro nocciolo della questione.

LUIGI LUSI 01/02/2012 Vediamo come va a finire, ma io dico che dovremmo pensarci. Quest’uomo potrebbe essere una grande risorsa per la repubblica. Da tesoriere della Margherita è riuscito zitto zitto a dirottare dentro le sue tasche la bellezza di tredici milioni di euro di rimborsi elettorali, senza che nessuno nel partito se ne avvedesse. Adesso che è stato preso in castagna mica si è sparato. L’uomo ha i nervi d’acciaio. Ha fatto sapere di essere pronto a patteggiare la pena, e in quanto alla «operazione restituzione» del maltolto, lasciate fare a lui che tutto s’accomoderà in un battibaleno. Se ce la fa, condanniamolo ad una pena simbolica, senza interdizione dai pubblici uffici, anche a dispetto della legge: di un Vidocq delle finanze, capace, con felpata eleganza e senza strepiti volgari, di far sparire e di tirar fuori dal cilindro montagne di soldi sotto i nostri occhi, l’indebitata Italia ha un disperato bisogno. Altro che Befera.

I FALCHI ANTI-MONTI 02/02/2012 Per un anno sono stati un calvario per il Cavaliere. Queste teste calde si erano fatte rincoglionire dalla grancassa disfattista: «è finita», «così non si può andare avanti», belavano nel coro pure loro. Dalle mezze cartucce se lo aspettava, da loro no. Lui era il solo a tirare la carretta, a crederci. Poi un giorno finì davvero, grazie anche a questi imbecilli. Il Cavaliere, che si era battuto fino all’ultimo, prese atto e fece l’unica cosa sensata possibile, senza cedere ad impulsi autodistruttivi: ritirata strategica e composta scorpacciata di rospi. Ma a questi chiassosi campioni di velleitarismo non va ancora bene: vorrebbero che il Berlusca rovesciasse il tavolo del governo. Così. Per sport. Adesso. Senza sapere dove poi si andrà a parare. Che si curino i nervi. Di guai ne hanno fatti già abbastanza.

BERSANI & CASINI 03/02/2012 Mi domandavo chi sarebbe stato il primo, dopo l’esilarante caso Lusi, a chiedere di muoversi senza indugio per arrivare ad una rapidissima approvazione di “una legge sui partiti”. A battere tutti sul tempo sono stati, insieme, Pier Luigi e Pier Ferdinando. “È urgente procedere: diamoci tempi strettissimi”, ha detto il primo. Il secondo, che quando si tratta di aria fritta e rifritta non vuole essere secondo a nessuno, ha immediatamente rilanciato, parlando di “una settimana”. Di solito in queste situazioni o non si combina un bel nulla, o quando si combina qualcosa nove volte su dieci è una castroneria. Prima ci si addormenta su una panchina; poi, svegliati dalla sirena, cogli occhi fuori della testa si corre a perdifiato fino alla prima curva, dove di norma ci si riaddormenta. Ma non è questo il peggio. Il peggio è questa comica, provinciale, retrograda credenza nella potenza taumaturgica della legge. C’è un guasto, un problema, un risultato da raggiungere? Con una legge ad hoc tutto si mette a posto! Miracolosamente. In Italia l’assistenzialismo ha dettato legge, si può ben dire, anche nel campo della legge: ne abbiamo fatte milioni, tutte «risolutive». E’ per questo che poi nessuno muove un dito.

Advertisements

1 thought on “Una settimana di “Vergognamoci per lui” (59)”

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s