Una settimana di “Vergognamoci per lui” (104)

Un giorno di gogna non fa male a nessuno. Come dicono i filosofi più in gamba, è tutta esperienza. Su GIORNALETTISMO.COM

MARTIN SCHULZ 10/12/2012 Sparare su Silvio Berlusconi è di sicuro lo sport più sicuro del mondo, e spesso uno dei più redditizi. Il peggio che possa capitarvi è di rimanere nell’anonimato, visti i milioni di appassionati che lo praticano ormai in tutto il mondo; il meglio è invece che il vasto, ramificato, palese e occulto potere berlusconiano vi acciuffi delicatamente per l’orecchio a mo’ di ramanzina: allora passate per vittima, e raggiate di gioia, coscienti di essere a un passo dalla gloria. Quest’ebbrezza Martin l’ha provata una volta e non l’ha più dimenticata. In quel fatidico 2 luglio 2003 in qualità di presidente del gruppo socialista al parlamento europeo, qualche minuto prima di essere promosso sul campo kapò, diede il benvenuto al Berlusca, neo-presidente di turno del Consiglio dell’Unione Europea, con queste irridenti parole, che in Italia nemmeno la potenza mediatica del Caimano ha potuto sottrarre all’insabbiamento: «Signor Presidente, signore e signori, per cominciare mi rivolgo al collega Poettering. Il collega Poettering ha elogiato in forma addirittura euforica la competenza della Presidenza di turno giunta qui dall’Italia: Berlusconi, Fini, Frattini, Buttiglione… e qui ho temuto che se ne uscisse anche con Maldini e Del Piero e Garibaldi e Cavour. Ma ne ha dimenticato uno, e cioè il signor Bossi. Anche lui fa parte di quel governo, e la minima esternazione che fa quest’uomo è peggiore di tutte quelle per cui questo Parlamento ha preso provvedimenti contro l’Austria e l’appartenenza della FPÖ al governo di quel paese. Quindi dobbiamo parlare anche di lui. Lei, signor Presidente non è certo responsabile del quoziente d’intelligenza dei suoi ministri. Però è responsabile di ciò che dicono. Le esternazioni di Bossi…» Che arietta di superiorità, nonostante il fenomenale quoziente d’intelligenza, nevvero? Forse per questo a Silvio venne facile il fatal collegamento. Comunque da allora Martin sta in agguato. E perciò da due giorni, da Presidente del Parlamento Europeo, oltre che da Cavaliere di gran croce dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana, cariche e medagliette meritate nella lunga resistenza al berlusconismo, fa fuoco e fiamme, e gli occhi, occhiali compresi, gli brillano, in attesa della beatificazione.

LUCIANA LITTIZZETTO 11/12/2012 In Italia esistono i Comici Laureati, figurette para-istituzionali dedite ufficialmente alla satira, molto ridanciane e pochissimo divertenti, la cui missione artistica non è quella di far luce con grazia sulle disgrazie del mondo e allargare gli spiriti, ma quella di rinfrancare una grande setta nelle sue superstizioni. Un comico con le palle guarda nelle palle degli occhi il malcapitato che ha messo nel mirino, e con lui il pubblico, e con lui il mondo; in un certo senso lo sfida, quello e il pubblico, quello e il mondo; lo denuda, ne scopre i difetti, …e poi arriva perfino a rivestirlo amorevolmente. In questa schietta sfida e nel suo esito liberatorio è racchiusa la comicità. La comparsa in scena dei nostri eroi somiglia invece sgradevolmente all’inizio di un rito: il malcapitato è solo; comico e pubblico sono dalla stessa parte, come il sacerdote e i devoti di una chiesa, che ridono complici prima ancora di dare all’inizio alla loro messa particolare, infervorandosi via via sempre più in attesa del sacrificio del condannato; e al colpo di grazia rimbomba uno scoppio d’ilarità plumbeo come una contrazione nervosa e maligna. E’ da un quarto di secolo che ci rompono gli zebedei con queste stucchevoli liturgie. Ma mai che passi loro per la testa di fare un passo indietro.

LUCA CORDERO DI MONTEZEMOLO 12/12/2012 Sempre lui. Scusate, ma è troppo forte. E poi anche noi, poveri guitti di destra, abbiamo le nostre fissazioni. Da Milano, il presidente di Italia Futura («Futura»: è per questo che non arriva mai in porto), auspicando la discesa in campo di Mario Monti, e ribadendo la necessità di uno «spazio politico liberale ed europeista capace di affrontare e risolvere i problemi», lancia l’allarme: «Evitiamo il rischio di ritrovarci nella stessa situazione del 1994». In effetti le similitudini sono inquietanti. Alle prossime elezioni, come nel 1994, da una parte ci sarà la gioiosa macchina da guerra, certissima della vittoria, dall’altra forse ci sarà la nuova Forza Italia, la nuova Alleanza Nazionale, la Lega e pure Storace, questa volta in proprio. Allora non c’erano gli equivalenti dei grillini, ma forse neanche questa volta ci saranno, se continuano con le epurazioni. Allora in mezzo c’era il gruppo degli utili idioti, ossia la magnanima coalizione del Patto per l’Italia, fondata in gran parte sul Partito Popolare del centrista di centro Martinazzoli, un fanatico delle nobili sconfitte. Oggi manca solo quello. Ma non disperiamo: Luca mostra di darsi da fare.

PAUL KRUGMAN 14/12/2012 Per il Sole 24 Ore è stata veramente una botta dolorosa. Nell’ultimo anno la nostra più famosa ed istituzionale gazzetta economica aveva cantato le gesta di due eroi fortissimi: Monti e Krugman. Ma stavolta il premio nobel dell’economia più vezzeggiato del mondo l’ha fatta grossa. Del nostro formidabile Monti ha scritto sul suo blog sul New York Times, il mitico “The conscience of a liberal”: «Monti – un brav’uomo, profondamente sincero – se ne va in anticipo, sostanzialmente perché le sue politiche stanno consegnando l’Italia alla depressione.» Frase che nella sua condiscendenza suona ancor più crudele dello stesso concetto più volte brutalmente formulato in questi mesi dal democratico Fassina o dal berlusconiano Brunetta. E adesso cosa farà il Sole? Sarà un po’ difficile tenere tutti e due i trofei in bacheca. Vedremo. Comunque, se io dovessi scegliere, mi terrei – cosa mi tocca scrivere! – mi terrei Monti, un misero brav’uomo, piuttosto che una faccia da schiaffi come Krugman, il quale arriva a scrivere: «l’economia dell’austerità ha svolto il suo ruolo come da copione – il copione Keynesiano [previsto da Keynes, NdZ], s’intende, non quello “austriaco”: ripetutamente i tecnocrati “responsabili” inducono le loro nazioni ad accettare l’amara medicina dell’austerità; e ripetutamente non riescono a ottenere risultati». Primo: i tecnocrati adorano le formidabili possibilità d’intervento che offre loro la teoria economica keynesiana, specie quella più allegramente interpretata. Gli “austriaci” detestano i tecnocrati. Hayek scrisse: «L’incapacità delle assemblee democratiche nel realizzare quanto sembra un esplicito mandato del popolo produrrà un’inevitabile insoddisfazione nei confronti delle istituzioni democratiche. I parlamenti verranno considerati come “lavatoi” dove si fanno chiacchiere inutili, istituzioni incompetenti o incapaci di realizzare i compiti per i quali sono stati eletti. E così prende corpo la convinzione per cui, se dev’essere attuata una pianificazione efficace, la direzione dev’essere “tolta ai politici” e posta nelle mani di esperti funzionari stabili o autonomi organismi indipendenti.» Secondo: “l’austerità” di cui qui si parla è un imbroglio. Per qualsiasi persona normale, per qualsiasi famiglia, “austerità” significa tagliare le spese partendo da quelle più superflue o meno necessarie. Per lo stato “austerità” non significa affatto tagliare le spese, ma taglieggiare chi già taglia di per sé per coprire le non tagliate proprie spese: capiree tu mi puoiii… tu chiamaloo se vuoiii… incaprettamentoooooo….

ANTONIO INGROIA 15/12/2012 Luigi De Magistris, che pensava in grande anche quand’era era un semplice sostituto procuratore della repubblica, già lo immagina candidato premier di un “polo arancione” formato da comunisti, verdi, dipietristi e società civile varia. Lui, per non essere da meno, ha il coraggio di farci un pensierino: «Sto prendendo in considerazione in che modo aiutare questo movimento, ciascuno deve assumersi la sua responsabilità in questo momento del Paese. Poi se questa assunzione debba avvenire con la partecipazione al dibattito politico, rimanendo fuori dalla competizione elettorale oppure partecipando alla stessa, comunque le parti responsabili del Paese devono farlo». Dunque anche il partito dei giustizieri ha il suo Monti che sta valutando se, come e quando scendere in campo. Sorprendente? Non tanto. In attesa di diventare un partito fatto e finito, cos’è il “montismo”, in fondo, se non un concorso esterno in associazione politica?

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s