Una settimana di “Vergognamoci per lui” (166)

Un giorno di gogna non fa male a nessuno. Come dicono i filosofi più in gamba, è tutta esperienza. Su GIORNALETTISMO.COM

VLADIMIR LUXURIA 17/02/2014 Piatto ricco, mi ci ficco. Grande colpo della Vladi, che è riuscita a farsi arrestare nientemeno che dagli sgherri di Putin. Le sue amiche, preoccupatissime, si stanno mangiando le unghie per l’invidia. La sciantosa si è fiondata a Sochi, dove con la sua classe superiore ha abbagliato i poliziotti al suo primo apparire, ma solo per farli rimanere poi a bocca aperta tirando fuori come per magia una bandieretta arcobaleno con la scritta “Gay è OK” in russo. E’ stata arrestata e sbattuta in cella in men che non si dica da certi energumeni che ti raccomando. Un affondo fulmineo, un blitz trionfale: veni, vidi, vici. Ce lo ha confermato Imma Battaglia, presidentessa onoraria di “Dì Gay Project”: «L’atteggiamento degli agenti è stato brutale e aggressivo. Nessuno parla inglese. Ora si trova da sola in una stanza con luci al neon sulla faccia, presumibilmente in stato di fermo. Chiediamo un intervento immediato del ministro Bonino». Insomma, tutto sembra procedere a meraviglia, compresi quei poveri bruti di poliziotti che non parlano inglese. Accadde anche coi tifosi laziali arrestati in Polonia: nessuno lì, dissero, parlava inglese. La cosa non mi ha mai convinto molto: se non siamo noi i peggiori parlatori d’inglese del mondo è solo perché a sopravanzarci ci sono i francesi, che in certe cose, non fosse che per orgoglio, sono inarrivabili. Ma per ritornare alle imprese di Russia: ecco, io non vorrei rovinare la festa, però confesso che ho qualche timore per le sorti della spregiudicatissima Vladimir. Gli orchi di Putin tutto potevano aspettarsi, ma non questo: un’affascinante signora italiana con lo stesso nome dello Zar! Per adesso si stanno grattando vigorosamente il capoccione, nella vana speranza di capirci qualcosa. Ma poi? Non vorrei che con la scusa dello sdegno, stregati dall’intrigantissima Vladi, cedessero ad istinti belluini.

LA GIUSTIZIA PALLOSA 18/02/2014 Milano, vicenda Maugeri: la procura: «processate Formigoni». Roma, vicenda polizza vita: la procura: «processate Gasparri». Napoli, vicenda compravendita senatori: nuovo filone di indagini (mentre è già iniziato il processo contro il Berlusca, quello col Senato che si è costituito parte civile). Napoli, vicenda rimborsi facili: arrestato l’ex braccio destro del governatore Caldoro. Verona, l’accusa è corruzione: arrestato Vito Giacino, ex vice-sindaco della giunta Tosi. Palermo, trattativa stato-mafia: il pm Di Matteo querela Sgarbi, Ferrara, Facci e Deaglio. Piemonte, elezioni regionali 2010: il Consiglio di Stato boccia il ricorso di Cota contro la sentenza del Tar che le aveva annullate. Sant’Agata di Militello (Messina), associazione a delinquere: indagato l’ex sindaco e attuale senatore di Ncd Bruno Mancuso. E’ tutta roba degli ultimi giorni. Ma non pensate anche voi che sia venuto il momento di chiedere alla magistratura di bastonare con calda passione, feroce determinazione, per davvero e non per finta, come fa da vent’anni, pure i sinistrorsi? Non per amor di giustizia, che ci è antropologicamente estranea, ma così, per capriccio, per il gusto del nuovo, per puro estetismo, e soprattutto per non farci morire di noia?

GUIDO BARILLA 19/02/2014 Fino a poco tempo fa solo la zazzera un po’ scarmigliata e la figura atletica gl’impedivano di essere una delle figure pubbliche più noiose e prudenti del paese. Poi per due parole innocenti venne crocifisso dalla setta esaltata degli anti-omofobi. Quello fu il primo trauma. Gli toccò bere l’amaro calice della ritrattazione. E qui ebbe un secondo trauma, o, per meglio dire, qui fu folgorato dalla scoperta di quanto fosse piacevole essere in sintonia con lo spirito del tempo. E così l’altro giorno, intervistato da Gianni Minoli su Radio 24 le ha cantate schiette: Squinzi? Ha fatto bene a essere durissimo col governo Letta. Renzi? Energia rivoluzionaria. La Fiat? Ha usata Confindustria e poi l’ha mollata. Diego Della Valle e John Elkann? Scelgo Della Valle. Berlusconi? Siamo amici ma non mi ha mai chiesto di entrare in politica. Io, a naso, dico che non è finita qui. Lo terrò d’occhio. E’ una parabola umana che si prospetta interessantissima

LA «PRIMAVERA» UCRAINA 20/02/2014 E’ commovente vedere come i giornali occidentali stiano scoprendo solo ora, che siamo alle soglie della guerra civile, che in Ucraina potrebbe aprirsi lo scenario da incubo delle guerre nella ex-Jugoslavia. In fondo la copertura mediatica degli eventi ucraini dai tempi della rivoluzione arancione in poi è stata il modello per quella più recente delle primavere arabe: un misto di pigrizia, di conformismo e di democraticismo da salotto. Non lo dico adesso: lo scrivevo su Giornalettismo quattro anni fa. Adesso veniamo dunque a scoprire che di Ucraine ce ne sono almeno quattro. Due grandi: l’Ucraina ucrainofona (ortodossa) grosso modo ad occidente del Dnjepr; e l’Ucraina russofona (ortodossa) grosso modo ad oriente del Dnjepr. Due piccole: la Crimea, repubblica autonoma abitata da una maggioranza russa (ortodossa) vera e propria, e da una storica minoranza tatara (musulmana); e l’unico lembo di terra ucraina veramente europeo: le province dell’estremo occidente storicamente (oggi molto meno) multi-etniche (ucraini, polacchi, tedeschi, ebrei, rumeni, ecc.) cariche perfino nei nomi (Volinia, Transcarpazia, ad esempio) del loro retaggio polacco e asburgico, che hanno in Leopoli la roccaforte del cattolicesimo ucraino. La stessa Leopoli che in questi giorni molti buontemponi definiscono come la roccaforte del nazionalismo ucraino, neanche sospettando che il vero nazionalismo ucraino di Cattolicesimo ed Europa non vuol nemmeno sentir parlare.

FABIO FAZIO 21/02/2014 Come forse qualcuno di voi ricorderà, una decina di giorni fa, con l’irresistibile sicumera che sempre mi contraddistingue e che fa la mia e, spero, la vostra felicità, avevo predetto che al momento di rievocare la figura dello scomparso Claudio Abbado, il conduttore del Festival di San Remo, strizzando l’occhio all’Italia Migliore, non avrebbe mancato di menzionare “l’impegno civile” del direttore d’orchestra. Fabio Fazio, invece, ha avuto il cattivo gusto di tradire se stesso pur di negarmi un meritato trionfo. Oserei dire che me l’aspettavo. Anzi, me l’aspettavo senz’altro! In compenso, per darmi soddisfazione, Fazio ha preferito ricordare con tatto squisito le parole proferite dal celebre architetto, senatore e oserei dire suo amico Renzo Piano, nel discorso tenuto al Senato in commemorazione del suo amico – amico di Renzo – Claudio: «Abbado è sempre stato convinto di una cosa: che la bellezza, l’arte, la cultura rendono le persone migliori», non prima però di aver ricordato la cosa più importante: «Ho avuto l’onore della sua conoscenza e della sua amicizia». L’amicizia di Claudio, l’amico di Renzo.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s