Articoli Giornalettismo, Bar Sport

La lezione argentina

Un sistema calcio che è ormai visto come un modello in tutto il mondo, risanato nelle strutture materiali ed immateriali, negli stadi, nel tifo, nella classe dirigente; un sistema diventato ricco per i suoi profitti, non per la presenza di ricchi sfondati; un sistema opulento ma oculato, non scialacquatore; una federazione che lavora a lungo termine sui giovani; un sistema pronto ad aprirsi con duttilità all’apporto delle nuove leve della gioventù multietnica tedesca e a quello delle novità tattiche provenienti da fuori: la forza della Mannschaft del mondiale brasiliano era rappresentata anche da questo recente e fecondo retaggio, che andava a sommarsi alla tradizionale disciplina, alla consueta potenza atletica e alla sempre notevole qualità tecnica di base dei giocatori tedeschi. Eppure tutto questo non è bastato. La rasoiata di Messi ha silurato la corazzata germanica regalando all’Argentina il suo terzo alloro mondiale. Ma sarebbe ingiusto dire che a decidere tutto sia stato il caso o l’unghiata del campione. Il calcio è una metafora della vita. E la vita non è solo intelligenza e programmazione. Il calcio è anche fede. Una fede che supera tutti gli ostacoli. Che ti fa sputare sangue volentieri se c’è da sputare sangue, che esalta il tuo spirito di sacrificio, la tua volontà di non mollare mai, il tuo coraggio e la tua perseveranza, il tuo cameratismo, e quell’attenzione parossistica e tuttavia tanto naturale (perché è propria di chi “veglia”) che ti porta a riconoscere e a cogliere l’attimo segnato dal destino, com’è successo a Messi, mai come oggi il vero Messia del pallone. In una parola, il calcio è prima di tutto la “garra” tanto cara agli argentini e agli uruguagi: una grinta forgiata al fuoco della fede, un sacro furore.

[pubblicato su Giornalettismo.com]

Advertisements

2 thoughts on “La lezione argentina”

  1. Io però credo però si sarebbero divisi abbastanza equamente tra quelli che avrebbero detto come dici tu, e quelli che, invece, avrebbero tirato fuori qualcosa del genere: “Finalmente, con quell’unica zampata geniale, Lionel Messi ha dimostrato di essere un vero campione, un fuoriclasse assoluto, di essersi liberato del complesso di Maradona, e di essere diventato capace, senza nemmeno uscire dalla legalità come la “mano de Dios”, di caricarsi tutta la squadra sulle spalle, anzi tutta la nazione, e di deciderne le sorti, dando una lezione di vita alla Germania, al suo popolo e alla sua leader Angela Merkel, così lontani per indole dal vero genio e dalla vera umanità, insomma in quel tocco sopraffino c’è tutta la riscossa dei poveri ma belli, e ri-belli, contro i ricconi affamatori e con le spalle coperte; e così, ancora una volta, il calcio ci ha regalato una bella favola, il genio ha sconfitto i secchioni, l’uomo ha sconfitto la macchina, l’improvvisazione ha prevalso sulla programmazione, il talento sull’arida applicazione, il cuore sui freddi numeri.”

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s