Anche Albertini «si mette a disposizione»

E’ divertente vedere come anche in questi tempi di retorica meritocratica (bolsa, detto per inciso, come ogni retorica alla moda) siano ben pochi coloro che ammettano schiettamente la loro onesta ambizione. Che male c’è nel farlo? Certo, si corre il rischio di essere ridicoli, se non si ha un’esatta consapevolezza delle proprie qualità. Ma meglio un dilettante cazzuto (io, per esempio, sono un onesto megalomane: però sono simpatico) che un noioso e guardingo professionista dalla “langue de bois”, di quelli usi, per esempio, a «mettersi a disposizione». Per esempio: Demetrio Albertini, che si è candidato ufficialmente (e finalmente) alla presidenza della Figc. Il suo programma, bisogna dirlo, è tutto un programma. Demetrio vuole «riportare il calcio al centro di tutto». Come? «con molto lavoro e unità d’intenti». Dice Demetrio che in otto anni di lavoro alla Federazione ha fatto «un percorso importante». Un percorso importante… Ed inoltre ha «maturato delle considerazioni». Per cui – eccoci qua – «si mette a disposizione» per il rilancio del calcio italiano. Che ha bisogno di «un cambio di marcia». Un cambio di marcia… Però per cambiare «ci vuole una volontà comune». La Federazione «deve essere condivisione». Condivisione… Tre i punti fondamentali sui quali intervenire: «la governance»; «il progetto sportivo»; e «la valorizzazione del nostro sport sul territorio». Sul territorio… Ecco, magari poi Demetrio si rivelerà un cannone. Però lo vedo straordinariamente ingessato anche in certi dettagli al mio occhio molto rivelatori. Per esempio: la capigliatura. Il taglio, la pettinatura, la lunghezza dei capelli: sono quelli da un quarto di secolo, cioè da quando lo abbiamo visto calcare per la prima volta i campi di gioco alla televisione. Se li faccia tagliare a zero e se li lasci crescere almeno una volta! Vedrà che sentirà una scossa rivoluzionaria e vivificante: vedrà il mondo con occhi diversi!

[pubblicato su Giornalettismo.com]

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s