Fitto il Demolitore

Quando Alfano e i ministri pidiellini del governo Letta maturarono lo strappo con Berlusconi che avrebbe portato alla nascita del Nuovo Centrodestra, Raffaele Fitto volle interpretare, con l’ottusa intransigenza che non pochi danni aveva già causati alla causa del centrodestra, la figura del capo dei lealisti. Non gli credeva nessuno, naturalmente. E men che mai il suo antico mentore Silvio, che tentava disperatamente di tener insieme le anime del partito: troppa scoperta era la voglia del musone pugliese di spingere i traditori alla rottura col partito. In quei giorni di burrasca, meno di un anno e mezzo fa, ad Alfano che rilanciava l’idea delle primarie del centrodestra, Fitto rispondeva che a decidere sul candidato premier sarebbe stato il solo Berlusconi fintantoché il fondatore fosse rimasto al timone del partito.

Oggi Fitto è a capo di una vera e propria corrente di Forza Italia, dipinge se stesso come un dissidente mezzo perseguitato e come tale usa i giornali dell’anti-berlusconismo antropologico come megafono; e in più chiede a gran voce le primarie per eleggere i nuovi vertici del partito. Col Patto del Nazareno ha usato la stessa tattica. Lo ha propagandato a destra e a manca come un asservimento di Forza Italia alla politica del governo, ed ha agitato lo spettro di una sua possibile confluenza nel futuro Partito della Nazione renziano. Alla rottura del Patto (peraltro non del tutto consumata) mentre Berlusconi cominciava a riannodare i fili dell’alleanza con Salvini, senza nel contempo rompere con Alfano, non badando, saggiamente, agli sciocchi veti vicendevoli dei due giovanotti, Fitto si metteva a denunciare la subalternità di Forza Italia alla Lega, come prima aveva denunciato quella nei confronti di Renzi.

Fitto non è nuovo a queste alzate d’ingegno. Nel 2010 regalò la Puglia alla sinistra incaponendosi contro la candidatura della Poli Bortone che aveva buone possibilità di vincere; ad opporsi alla fondatrice di “Io Sud” restarono solo Fitto e suoi sodali, tenacemente sordi a ogni buon senso; Berlusconi, sempre troppo buono, preferì non guastare i rapporti col genio del Salento ed incassare una sconfitta scritta in partenza.

Nonostante queste corbellerie, di cui non ha mai fatto ammenda, Fitto il Ricostruttore va dritto per la sua strada: distruggendo tutto, dice di voler «ricostruire il centrodestra, dare un contributo alla ricostruzione del nostro partito e del nostro paese». Quali siano però le sue idee, nessuno lo sa. E probabilmente nemmeno lui. In questo l’imbronciato Fitto è tremendamente democristiano. Alla Convention dei Ricostruttori ha voluto parlare «per prima cosa» dei contenuti dell’impegno politico della sua corrente. L’espressione «per prima cosa» è servita naturalmente per puntellare il nulla che ne sarebbe seguito: per intenderci, una premessa «forte» tanto quanto una «forte» risposta prodiana.

Infatti Fitto ha tirato fuori dal cilindro nientepopodimeno che la minestra riscaldata dello sforamento del 3% del rapporto deficit/Pil, rinfacciando a Renzi di aver mancato alla promessa di ottenere in sede europea quella flessibilità nei conti pubblici tanto necessaria alla nostra economia. Inoltre, ha attaccato il governo per non essere riuscito «ad ottenere altri portafogli in Europa» e di essersi accontentato «dell’Alto rappresentante della politica estera». In sostanza: finanze allegre e cariche, il pane della politica dai tempi di Tiberio e Caio Gracco.

Il fatto grave è però che Fitto, esattamente come tutti gli altri aspiranti piccoli leader del Centrodestra, è intimamente anti-berlusconiano proprio in ciò che ha costituito e costituisce l’essenza del berlusconismo come fenomeno strettamente politico, e che è il motivo vero per cui ancor oggi la vecchia e malandata figura del Cavaliere è combattuta con ogni mezzo: la volontà pervicace di riunire in un’unica piattaforma politica tutte le possibili destre del paese.

[pubblicato su Giornalettismo.com]

Advertisements

Caos libico ed italiche facce di bronzo

Il vizio della memoria è una di quelle vezzose espressioni con le quali periodicamente si fa bella l’Italia Migliore, al solo scopo, s’intende, di mascherare la propria naturale spudoratezza; per cui in realtà nel suo caso si dovrebbe piuttosto parlare di vizio di memoria. Quel bel tomo di Romano Prodi, per esempio, ieri l’altro, col felpato ma sussiegoso opportunismo che da sempre lo accompagna, ha detto che il caos libico è frutto degli errori dell’Occidente; e che «L’Italia ha addirittura pagato per fare una guerra contro i propri interessi: Berlusconi si è fatto trascinare dalla Francia ed è entrato in guerra». 

Ora, non occorre certo tuffarsi nel web per farsi ritornare la memoria e scoprire come andarono veramente le cose in quel fatale inverno del 2011. Berlusconi resistette fino all’ultimo. Ad assediarlo non furono solo le cancellerie occidentali, ma anche il coro della gran parte dei media italiani; l’illustre presidente della Repubblica, Napolitano Giorgio, strenuo sostenitore dell’intervento armato; il Partito Democratico, la cui segreteria nazionale denunciò «la drammatica inadeguatezza della iniziativa politica del presidente del Consiglio e del ministro degli Esteri di fronte alla sanguinaria risposta del colonnello Gheddafi nei confronti della richiesta di democrazia da parte del popolo libico»; l’esaltato Di Pietro e tutto il resto della compagnia cantante. Anche Confindustria pressò Berlusconi affinché il governo prendesse posizione in merito alla «cessazione di questo genocidio che certamente è drammatico». E persino il suo ministro degli esteri, il pavido Frattini, dopo qualche titubanza iniziale prese a remargli contro, diventando il ventriloquo di Cameron, Sarkozy e Al Jazeera. Berlusconi, insomma, era dipinto come l’irresponsabile che resisteva, resisteva, resisteva.

E questo senza contare che, al momento dello scoppio della fantomatica primavera libica, Berlusconi era da qualche settimana nel mirino dei nuovi campioni liberal-progressisti dell’Occidente per non aver ceduto all’isteria generale e aver parlato con ragionevolezza (e lungimiranza, oggi possiamo davvero ben dirlo) in difesa di Mubarak, un autocrate talmente placido da essere stato considerato per trent’anni di fila un amico dell’Occidente e un campione di ragionevolezza nel mondo arabo dagli stessi figuri – per esempio molti attempati e autorevoli editorialisti della nostra stampa – che nel giro di 24 ore lo abbandonarono al suo destino, salutandolo col nome stravagante di dittatore.

Non risulta che in quei giorni di fuoco l’ottimo Prodi abbia levato la sua voce alta e forte a sostegno del Cavalier Riluttante. Pensò solo a fare il pesce in barile e a mettere in evidenza la diversità di stile dei suoi rapporti con Gheddafi rispetto a Silvio il cafone: in una parola, aria fritta. Solo qualche mese dopo l’inizio della caccia grossa a Gheddafi, visto che le cose sul terreno andavano per le lunghe, accennò prudentemente al fatto che forse la via negoziale alla risoluzione dei torbidi libici non era stata sufficientemente esplorata. Il che non gl’impedì di dire, nel giugno del 2011, che «Le rivolte in atto in Medio Oriente e Nord Africa hanno portato ad un indebolimento della nostra presenza e dei nostri interessi a vantaggio di altri» riferendosi soprattutto a «Francia e Gran Bretagna che avanzano dove noi arretriamo», e che a nuocere all’Italia erano state «le continue oscillazioni di posizione come avvenuto sulla Libia». Come interpretare queste “continue oscillazioni” se non come quelle dovute alla riluttanza berlusconiana a piegarsi ai dettami del trio Obama, Sarkozy, Cameron?

Ma di questo brutto vizio della smemoria Prodi non è che un campione fra i tanti dell’Italia Migliore. L’ineffabile Antonella Rampino, per esempio, ieri su La Stampa, in un articolo intitolato “Un disastro frutto anche della rivalità Roma-Parigi” ha riassunto così la genesi dell’intervento militare occidentale in Libia: «Ma prima, durante e dopo un intervento tutto calato dal cielo, c’è la divisione tra Paesi europei. È la Francia anzitutto a premere sulla Nato prima e sul Consiglio di Sicurezza Onu poi per la copertura multilaterale ai bombardamenti francesi ed inglesi, cui si aggiungeranno per breve tempo anche gli americani. Occorre detronizzare un feroce dittatore che ha fatto mitragliare il suo stesso popolo (era anche quella una primavera araba) dall’alto dei suoi Mig. La Nato ha le prove: il tracciato dei voli. L’Italia si accoda per non lasciare le risorse energetiche in mano a francesi e inglesi. La Germania, invece, preda della sua storia di disinteresse al Mediterraneo, passa la mano.» Sbaglio, o sento una punta di sarcasmo in quell’«intervento tutto calato dal cielo», in quel «feroce dittatore che ha fatto mitragliare il suo stesso popolo», e una punta di disprezzo per quell’Italia servile «che si accoda»?

Eppure nel marzo del 2011 La Stampa non aveva paura di raccontare la verità, grazie alla penna di Ugo Magri, visto che evidentemente questa verità, a parere di chi scriveva, metteva in una luce ridicola Berlusconi: «Quando il Cavaliere si rende conto che l’Onu sta per decidere la “no-fly zone”, in pratica l’intervento militare, di corsa provvede a emendarsi. (…) E tuttavia, una volta dato a Silvio quel che è di Silvio, nessuno degli sviluppi successivi sarebbe stato possibile senza l’intervento di Napolitano. Il suo richiamo alle “decisioni difficili” attese nella giornata di ieri, ma soprattutto l’appello a valori più alti della pura realpolitik (“non lasciamo calpestare il Risorgimento arabo”) hanno avuto l’effetto di sgombrare il campo da ostacoli su cui Berlusconi sembrava destinato a inciampare.(…) Si vede a occhio nudo che intervenire contro Gheddafi non lo convince per niente. (…) Piuttosto Berlusconi si adegua alle decisioni Onu in quanto costretto, forzato dalle circostanze, senza l’intima convinzione di chi sventola una bandiera ideale, e senza neppure la certezza di fare la scelta giusta.» Che però, per la grande stampa italiana, era giustissima.

Nel frattempo, di fronte all’avanzata e alle mattanze dei tagliagole dell’Isis in Libia, Berlusconi si è detto favorevole all’eventuale partecipazione dell’Italia ad un intervento di forze militari internazionali. Prodi, dal canto suo, non solo si è dichiarato fortemente scettico ma ha sottolineato la necessità, di fronte alla complessità del caso libico, di «esperire, prima di tutto, tutte le azioni diplomatiche e civili». E’ sempre lo stesso Prodi del 2011: il pesce in barile, in attesa di pontificare seriosamente a cose fatte.

[pubblicato su Giornalettismo.com]

Putin, il catalizzatore

Se si pensa che arriva dopo secoli di zarismo e settant’anni di comunismo, non si capisce cosa vi sia di strano nel fatto che la ventennale democrazia russa mostri un volto ancora così grezzo. Per brutta che paia a noi, la Russia di Putin non rappresenta una patologia; e ci piaccia o non ci piaccia, i progressi di questa Russia autocratica dai tempi dell’Unione Sovietica nel campo delle libertà civili sono stati incalcolabili. E’ strano piuttosto che questo semplice ragionamento faccia così fatica a farsi in strada in Occidente. Da noi la Russia di Putin è diventata il catalizzatore di vecchie e false idee sulla natura della civiltà cristiana-occidentale. In un certo senso la diatriba tra occidentalisti e slavofili che dominò il mondo intellettuale russo soprattutto nel secondo ottocento, e che ora, dopo il lungo inverno comunista, sta rifacendo capolino da quelle parti, sembra essersi spostata da noi capovolgendone i termini: siamo noi, ora, che cerchiamo di definirci guardando alla Russia.

Ed è così che, da una parte, e un po’ alla volta, nel mondo conservatore occidentale è spuntato un partito russo, dai contorni alquanto confusi, che nella Russia di Putin ha visto l’incarnazione di un baluardo identitario, sia esso nazionalista, sia esso cristiano, contro la secolarizzazione dei costumi, contro l’arroganza del laicismo progressista, contro la globalizzazione dei popoli e delle religioni. Mentre dall’altra parte, parlando sempre in termini generalissimi, quello stesso mondo liberal e progressista che per tanti decenni aveva flirtato col marxismo, chiusi gli occhi davanti ai crimini del comunismo, e infine demonizzato l’anticomunismo; quello stesso mondo progressista che tanta indulgenza, se non peggio, aveva mostrato nei confronti della Russia sovietica, ora è diventato, con grande sprezzo del ridicolo, il più spietato fustigatore della Russia di Putin, sentina, oggi, di ogni nefandezza.

Siamo in presenza in effetti di due ideologie che negano i valori migliori dell’Occidente. La civiltà occidentale che si fonda sull’universalismo cristiano è per natura orientata alla democrazia e alla globalizzazione; ma nello stesso tempo non fa violenza alla storia e ai popoli: incanala, modella la storia raccogliendone tutta la ricchezza. Questa duttilità, però, è feconda solo se l’Occidente tiene fede a se stesso facendosi presidio della legge naturale. L’ideologia nazionalista-identitaria, invece, assolutizza la storia e quando si professa cristiana mette ciò che è accidentale nel cristianesimo al posto di ciò che è sostanziale, cadendo nell’idolatria. L’ideologia democraticista-illuminista al contrario nega la storia e fa della democrazia una nuova religione universale ma immanentista, cadendo anch’essa nell’idolatria. Non deve stupire più di tanto, tuttavia, se spesso i due campi tendano a sovrapporsi; se vediamo, ad esempio, comunisti puri e duri difendere le ragioni della Russia di Putin; oppure zelanti neo-conservatori cristiano-occidentalisti fare il contrario: unica è la radice dell’errore.

Oggi l’agenda liberal sembra essersi impadronita di quell’idea dell’Occidente che fu da essa negletta e finanche disprezzata durante i lunghi decenni della guerra fredda. Nello stesso tempo i partiti cosiddetti conservatori dei paesi occidentali sembrano incapaci di resistere all’avanzata del politicamente corretto. Ciò è pericolosissimo anche per la politica estera di Europa e Stati Uniti. Lo si è visto nella disastrosa lettura fatta in Occidente delle primavere arabe. Lo si è visto nei lunghi anni d’incubazione della crisi ucraina. L’incredibile Hollande nei giorni scorsi è arrivato a dire che «Se la nostra proposta di pace fallirà, l’unico scenario è la guerra». Per fortuna gli ha risposto per le rime l’impresentabile Berlusconi: «È inaccettabile che si rischi la guerra con la Russia senza che l’Italia faccia sentire la sua voce per fermare questa follia». Lo stesso impresentabile Berlusconi che vide giusto all’inizio della primavera egiziana e che fu l’unico leader occidentale ad avere il coraggio, prendendosi un sacco di insulti, di difendere Mubarak, improvvisamente scomunicato come despota e dittatore dai politici e dai gazzettieri del fatuo Occidente. Gli stessi politici e gazzettieri che adesso non hanno nulla da ridire sul generalissimo Al-Sisi, e che seppero flirtare coi Fratelli Musulmani. E che a Berlusconi non chiederanno mai scusa.

[pubblicato su Giornalettismo.com]

Renzi, ovvero lo schema Ponzi in politica

Con l’elezione di Sergio Mattarella alla carica di Presidente della repubblica Matteo Renzi ha vinto ma ha anche perso. E non poteva essere altrimenti. Infatti, solo un uomo a cui il Presidente del Consiglio avesse dato il via libera avrebbe potuto vincere; allo stesso tempo, però, agli occhi dell’opinione pubblica e del mondo politico tale scelta sarebbe equivalsa a una scelta di campo, ancorché dettata dalle convenienze e non dalle convinzioni. E questo perché Renzi, nel suo pragmatismo muscolare, non ha mai proposto un suo progetto politico per la sinistra. Se Renzi ne incarnasse uno, scelte realistiche anche se non omogenee alle sue idee politiche non correrebbero il rischio di essere viste come figlie del puro opportunismo. Il risultato è che di Renzi ormai non si fida più nessuno; che il Rottamatore si sta tagliando i ponti alle spalle, a destra e a sinistra; e che d’ora in poi potrà contare solo su appoggi interessati.

C’è una differenza sostanziale tra Berlusconi e Renzi; che Berlusconi, al di là dei tatticismi politici ai quali non si può sempre sfuggire, incarnava e incarna ancora un progetto politico sensato e storicamente plausibile: la riunione del centrodestra, dai centristi alla Lega. Tutti i tatticismi berlusconiani, in questo momento, sono mirati alla sopravvivenza, alla resistenza, nell’attesa di riproporlo. Non piace? E’ una questione secondaria. A destra non ci sono altre soluzioni politiche reali. Tutto il resto, politicamente, se prendiamo in considerazione il paese reale e non l’Italia dei sogni, è solo chiacchiera. Solo dopo che gli attori politici del centrodestra, e il suo elettorato, avranno preso coscienza di questa realtà (e sarà un passaggio fondamentale) si potrà cominciare la battaglia per tirare fuori il meglio possibile da questo coacervo. Questo, se parliamo di politica. Se poi parliamo di qualcos’altro, è tutta un’altra faccenda. Se Berlusconi è sopravvissuto a tante batoste politiche, alla caccia grossa della magistratura, all’umiliazione delle condanne penali, alla gogna mediatica, è perché, piaccia o non piaccia, rappresenta un progetto politico. E’ questo il segreto vero della sua altrimenti inesplicabile resilienza.

Per la sinistra italiana l’unico progetto politico e storicamente fondato è quello socialdemocratico, nel senso più largamente culturale del termine, implicante il rifiuto del giustizialismo e una dolorosa revisione della propria storia. Fa sinceramente ridere che si possa pensare di riunire la sinistra (o gran parte di essa) in una piattaforma liberal in un momento in cui il radicalismo la sta divorando, non solo in Italia. Se Renzi sposasse con coerenza un progetto liberal andrebbe fatalmente incontro a una scissione, farebbe del Pd – nella realtà italiana – un partito centrista, e consegnerebbe il grosso della sinistra al radicalismo. Con l’elezione di Mattarella Renzi ha invece scelto di ricompattare il Pd intorno a una persona che rappresenta l’Italia nata dalla Resistenza con tutto il corollario dei suoi cascami ideologici. Il fatto che Mattarella sia cattolico ed ex-democristiano non significa un bel nulla. Sappiamo bene come molti ex-democristiani di sinistra, espressione di un cristianesimo catacombale, dopo esser stati esemplarmente risparmiati dal diluvio di Tangentopoli e inghiottiti dal Moloch ex-comunista, siano diventati tra i più zelanti (e ridicoli) sacerdoti della religione civile fondata sulla Costituzione: in una parola, i pasdaran della conservazione. Questo fa di Mattarella un personaggio pericoloso per Renzi. Primo, perché anche una nullità una volta messi i gradi di Presidente della repubblica si sente in dovere di dimostrare di essere qualcuno, tanto più che la Costituzione materiale ha da lungo tempo emancipato il primo cittadino della repubblica dal ruolo noioso di primo notaio della repubblica. Secondo, perché se si monterà la testa Mattarella ubbidirà a Scalfari piuttosto che al Rottamatore; lo stesso Scalfari che, dopo aver spedito un ultimatum a Matteo qualche giorno fa, ieri ha lodato (insieme al Pd) questo Renzi riallineato. D’altronde è palpabile la soddisfazione che si respira fra i non-renziani del partito, in Sel, e persino tra i grillini. Ma è una soddisfazione che sa di rivalsa e ha qualcosa di maligno. Diceva Bersani appena dopo l’elezione: «se tutto va come deve andare sarà un ottimo presidente. È un giurista. Non è uno che fa passare qualsiasi cosa. Certe sciocchezze incostituzionali non le farà passare». A buon intenditor, poche parole.

Sarebbe anche bene che i commentatori smettessero di giudicare le vittorie e le sconfitte politiche in termini di politique politicienne. Queste vanno valutate in prospettiva, e sullo sfondo più ampio del consenso elettorale. Il Pd sta già subendo da qualche tempo una perdita fisiologica di consensi tra gli ex elettori del centrodestra; la sterzata renziana non farà altro che renderla strutturale, passato il breve momento del trionfo, senza peraltro fargli guadagnare voti tra gli aficionados della sinistra radicale, che oggi non si fidano di Renzi più di quanto non facessero ieri. Se il tempo lavora a favore delle cose sensate, vuol dire che lavora contro le ambiguità del trionfante Renzi; mentre la forza delle cose spinge, a dispetto dello stato comatoso e delle sue divisioni, ad un ricompattamento del centrodestra. Ed un ricompattamento del centrodestra significa una sola cosa: berlusconismo, sia l’Impresentabile o no a guidare l’indistruttibile Armata Brancaleone. E’ assai probabile che l’atteggiamento collaborativo di Berlusconi nei confronti di Renzi non verrà meno per vari motivi: il primo è che non ci sono alternative; il secondo è che Berlusconi non vuole lasciare a Renzi alcun alibi in caso di rottura; il terzo è che Berlusconi spera che sulle riforme non sia la sua Forza Italia ad implodere, ma sia proprio la ringalluzzita sinistra del Pd a creare problemi a Renzi. Matteo, con la solita simpatica spudoratezza, e con qualche contorsione lessicale, ha fatto finta che i problemi riguardino solo il Cavaliere, affermando che quest’ultimo, poveretto, «ha due opzioni di fronte a sé: decidere se soffrire nel fare delle riforme che condivide oppure decidere di offrirsi per fare delle riforme importanti e avere così la possibilità di poter raccogliere e condividere i dividendi con noi».

Il fatto è che Renzi in politica ha un problema strutturale. Se vuole essere liberal (cioè statalista moderato e modernizzatore) la sinistra (e non parlo solo del Pd) non lo segue; se rinuncia ad essere liberal si mette nelle mani della sinistra conservatrice. Non avendo un progetto politico realistico, che è quello menzionato all’inizio dell’articolo, e dal quale potrebbe ripartire in caso d’insuccesso, è come un generale costretto a vincere in continuazione, e destinato a sparire alla prima sconfitta. Il renzismo, perciò, assomiglia ad una sorta di schema Ponzi applicato alla politica: un rilancio continuo, un attivismo frenetico, che intontisce e disarma i critici, e che gli assicura un carisma da vincitore, fino al momento fatale in cui inciamperà e tutti gli saranno addosso.

[pubblicato su Giornalettismo.com]