Lo stupido conflitto ucraino

Per quanto incerta, ondivaga e diciamo pure sgangherata, sembra che mai come oggi la politica estera di Stati Uniti ed Europa sia stata così concorde. Lo è però per un fattore di debolezza oggettiva (ed incolpevole). Viene comunque smentita la diffusa convinzione che col crollo del comunismo nel nuovo mondo multipolare, che si profilava all'orizzonte, … Continue reading Lo stupido conflitto ucraino

La ferita ucraina

Nella democrazia c'è sempre una corrente di fondo messianica e, per così dire, missionaria. Se questo impulso di fondo viene dominato, esso si confronta con la ragione e con la storia, senza essere peraltro rinnegato. Se non viene dominato, se la democrazia diventa ideologia, la volontà di potenza si ammanta di un principio civilizzatore di … Continue reading La ferita ucraina

Una settimana di “Vergognamoci per lui” (169)

Un giorno di gogna non fa male a nessuno. Come dicono i filosofi più in gamba, è tutta esperienza. Su GIORNALETTISMO.COM MICHELE ANZALDI 10/03/2014 Scandalizzato dall'imitazione di Virginia Raffaele della ministra Boschi a “Ballarò”, l'onorevole democratico nonché giornalista Michele Anzaldi ha preso carta e penna e ha scritto alla presidentessa della RAI Anna Maria Tarantola una lettera … Continue reading Una settimana di “Vergognamoci per lui” (169)

Kissinger and I over Ukraine

Il titolo è ovviamente provocatorio: nessuna persona seria si sognerebbe mai di paragonare un uomo pur notevole come Kissinger a Zamax il Grande. Da incondizionato ammiratore di quest'ultimo sento il dovere, però, di confortarlo (non che ne abbia bisogno, s'intende) per l'isolamento in cui si trova dentro il campo conservatore-liberale riguardo alla questione ucraina. Voglio … Continue reading Kissinger and I over Ukraine

Una settimana di “Vergognamoci per lui” (166)

Un giorno di gogna non fa male a nessuno. Come dicono i filosofi più in gamba, è tutta esperienza. Su GIORNALETTISMO.COM VLADIMIR LUXURIA 17/02/2014 Piatto ricco, mi ci ficco. Grande colpo della Vladi, che è riuscita a farsi arrestare nientemeno che dagli sgherri di Putin. Le sue amiche, preoccupatissime, si stanno mangiando le unghie per l'invidia. La … Continue reading Una settimana di “Vergognamoci per lui” (166)

Una settimana di “Vergognamoci per lui” (163)

Un giorno di gogna non fa male a nessuno. Come dicono i filosofi più in gamba, è tutta esperienza. Su GIORNALETTISMO.COM LA REPUBBLICA & L'ESPRESSO 27/01/2014 Claudio Abbado ci ha lasciati il 20 gennaio. E' stato stupendo vedere come gli storici organi dell'Italia Migliore abbiano saputo vincere lo sgomento profondissimo per l'immensa perdita e con uno sforzo … Continue reading Una settimana di “Vergognamoci per lui” (163)

L’equivoco ucraino

La delusione intrisa di rassegnazione manifestata in Occidente per la vittoria di Viktor Yanukovich nelle elezioni presidenziali in Ucraina è eccessiva. Come eccessivo fu l’entusiasmo che accompagnò qualche anno fa la Rivoluzione Arancione che portò al potere la coalizione del filo-occidentale Yushchenko. Derivano ambedue dall’errata percezione della realtà ucraina e dall’immagine che di essa i … Continue reading L’equivoco ucraino

La Russia e la crisi dell’ideologia democratica (2)

Le Americhe non sono altro che una grande proiezione dell'Europa Occidentale: gli spagnoli, i portoghesi, gli inglesi e in piccola parte, i francesi, hanno potuto colonizzarle e popolarle in grandi distese uniformi; così come la Russia è la grande proiezione slava dell'Europa Orientale. Bloccati geograficamente nel mezzo dell'Europa continentale settentrionale e meridionale, travagliati dalle vicende … Continue reading La Russia e la crisi dell’ideologia democratica (2)