Articoli Giornalettismo, Italia

Stati di alterazione antimafiosa

E’ veramente un peccato che l’Italia antimafiosa (quella che prima era, soprattutto, antifascista) non abbia apprezzato a dovere il funerale dell’ottavo Re di Roma Vittorio Casamonica. Quel magnifico tiro di cavalli in ghingheri; quella carrozza barocca fino alla nausea; quella banda musicale che piangeva sulle note del Padrino con molto sentimento ma con evidente soddisfazione, quasi sorridendo tra le lacrime; quella marea di corone; quell’elicottero che lanciava petali di rosa, straordinario aggiornamento tecnologico di ancestrali e sempre vive pratiche indiane; e per ultimo quell’aristocratico pezzo di automobile chiamato Rolls Royce; tutti questi elementi andavano a rappresentare una versione magniloquente e un po’ megalomane di una liturgia funebre zingaresca: un pezzo di cultura, secondo la cultura dominante. E allora perché disprezzarlo? Forse per ignoranza? Ma ciò sarebbe comprensibile in un berlusconiano o in un leghista, non in chi fa parte dell’Italia plurale ed inclusiva, esperta ed appassionata di ethnos e di gender. Ci è parso inoltre scarsamente elegante e pochissimo democratico scagliare con leggerezza l’anatema antimafioso contro questa famiglia potente e facoltosa di etnia Sinti, sospettata di malaffare di piccolo cabotaggio su vasta scala più che di attività criminale in grande scala, quasi che, come per un Salvini qualsiasi, zingaro fosse sinonimo di poco di buono.

Insomma, anche il politicamente corretto è andato a farsi friggere di fronte alla priorità delle priorità: rafforzare quella narrazione dell’Italia antropologicamente mafiosa e corrotta da ripulire dalla testa ai piedi che si sta sostituendo a quella un po’ ammuffita dell’Italia antropologicamente sempre corrotta ma in primo luogo fascista. Facendo leva sulla carica intimidatoria di quest’ultima la sinistra ha costruito le sue fortune, occupando passo dopo passo tutto l’occupabile durante i regimi democristiani, pentapartitici e berlusconiani. Facendo leva sulla prima la sinistra della sinistra spera ora di riuscire a replicare il misfatto. E così oggi tutto è mafia, perfino il bullismo a scuola, vedrete, grazie soprattutto all’indefessa predicazione dei sacerdoti dell’antimafia.

Pure il Vaticano, dopo qualche titubanza, si è adeguato allo spirito dei tempi e così l’Osservatore Romano ha tuonato fuori tempo massimo contro lo scandalo delle sontuose e pacchiane esequie del boss Sinti. D’altro canto una parte influente più che consistente del cattolicesimo italiano fa da tempo l’occhiolino al populismo giustizialista, giungendo ad usare perfino la figura di De Gasperi per servirne gli scopi, come ha fatto nei giorni scorsi l’ineffabile monsignor Galantino, contrapponendo la figura integerrima (fino alla caricatura, a dire il vero) dello statista trentino all’odierno serraglio di cooptati e furbi che popolerebbe il nostro parlamento, finendo però per incappare in una significativa contraddizione. Infatti, rievocando le vicende della legge truffa, il disinvolto Galantino scrive: «Quando nel 1953, preoccupato degli scricchiolii della propria maggioranza, propose una nuova legge elettorale maggioritaria, contro cui si scatenò una pesante campagna denigratoria, il suo premio di maggioranza sarebbe comunque scattato solo se la coalizione avesse raggiunto la maggioranza dei voti, il 50%!» Ma Galantino omette di dire che la campagna denigratoria che affondò la benedetta legge truffa fu portata avanti soprattutto da quel Pci che di De Gasperi e della Dc pensava esattamente quello che oggi il sedicente neo-degasperiano Galantino pensa dei politici attuali. Durante la campagna elettorale del 1953, per esempio, sui manifesti elettorali comunisti si potevano leggere slogan di questo tenore: «Allontaniamo dalla greppia profittatori democristiani e gerarchi fascisti»; «La Forchettoni Associated Films presenta: “L’ultima truffa”, distribuito dalla Premiocrazia Grattiana, diretto da Aspide de Capperi»; oppure, con l’originalità dei falsi moralizzatori di sempre, «Per l’onestà contro la corruzione vota comunista», in un manifesto raffigurante i forchettoni De Gasperi, Gonella e Scelba, tovagliolo al collo, rispettivamente con una forchetta, un cucchiaio e un coltello in spalla, in trepida attesa del magna-magna.

Ho sempre pensato che il soffocante antifascismo militante che avvelena l’Italia da 70 anni non sia dovuto solo a ragioni di opportunismo, ma serva anche a tacitare sensi di colpa e a mimetizzare una segreta fascinazione per il fascismo. Lo stesso fenomeno avviene ora con l’antimafia militante. La compulsiva, traboccante ed infine mortalmente noiosa mediatizzazione (anche artistica) di fascismo e mafia è sostanzialmente figlia della stessa ambigua pseudo-cultura che nutre l’antifascismo e l’antimafia militante: fascismo e mafia vengono sottratti alla storia per venire imposti come eterne categorie dello spirito, sennò il baraccone s’affloscia, e le carriere si bloccano. E grazie a questi incoscienti, intanto, ci facciamo disprezzare dagli stranieri. Per due motivi: perché ci dipingiamo come una stirpe antropologicamente fascista e mafiosa; e per la ridicola e servile mancanza di amor proprio che dimostriamo.

[pubblicato su Giornalettismo.com]

Advertisements
Articoli Giornalettismo, Italia

Renzi tra partito e setta

La nascita del partito della nazione, secondo la felpata propaganda di quella grande stampa sempre un po’ vile che se ne faceva paladina qualche anno fa, doveva essere la conseguenza inevitabile (ma anche costruttiva) della presa d’atto che il ventennale tentativo di bipolarismo politico all’italiana era ormai abortito e che gli opposti populismi al quale invece si era ridotto necessitavano di un argine poderoso. La sua prima versione, quella montiana, si risolse però in un prodigioso fallimento, molto simile a quello di certe squadre che nella partita decisiva della stagione non sembrano neanche scendere in campo. Si pensò allora di arrivare allo stesso risultato attraverso la trasformazione, di nome o di fatto, del Partito Democratico nel partito della nazione. Più tardi l’energica figura di Renzi sembrò ridare corpo al progetto.

Tuttavia proprio in questi giorni abbiamo potuto vedere ancora una volta come questa idea sia nata da ragioni di opportunismo e si porti dietro insanabili contraddizioni. Non esiste, infatti, in Italia un populismo più diffuso, pericoloso e grossolano di quello giustizialista; eppure anche nei giorni del caso Azzollini, com’è sempre accaduto quando Renzi si è dovuto scontrare con la setta della questione morale, né il Corriere, né la Stampa, né il Sole 24 Ore hanno fatto sentire la loro voce in sostegno del premier.

Ciò è dovuto al fatto che anche l’idea del partito della nazione nacque nel solco dell’antipolitica: ne era la versione paludata, compunta, propria delle sale ovattate. Era il modo perbenista, istituzionale, di cedere al conformismo vaffanculista. Ciò che essa denunciava era pur sempre l’insufficienza della politica; ciò che essa perorava era pur sempre la necessità di un suo superamento; e ciò che essa incarnava era in ogni caso una sorta di palingenesi dai tratti rassicuranti e perfino borghesi. Ma nel profondo, senza ostentazioni, quest’idea contribuiva tuttavia ad alimentare quelle correnti populiste che diceva di voler neutralizzare.

Ecco perché quando si tocca una questione dirimente, anzi identitaria, come quella della giustizia, prima ancora sul piano culturale che su quello meramente tecnico, legioni di autorevoli e sagaci editorialisti, di solito prodighi di consigli, invece di buttare il cuore oltre l’ostacolo, fanno i pesci in barile. Ma allora come si può pretendere di porre le basi di un partito votato virtuosamente all’interesse nazionale, e perciò supremamente politico, nel miglior senso del termine, venendo nello stesso tempo a patti con ciò che ne rappresenta la negazione, l’incivile caricatura, cioè la setta?

Questa contraddizione interna è la stessa che agita il Partito Democratico vero e proprio. E non vi è modo di uscirne in modo indolore. Se Renzi decidesse di tagliare il cordone ombelicale con la setta giustizialista per davvero, il Pd andrebbe incontro ad un drammatico ridimensionamento. Non solo: si può star sicuri che questa svolta non avrebbe l’appoggio della grande stampa sopramenzionata. E il presidente Mattarella, che non è certo un cuor di leone, e che dimostra ogniqualvolta apre la bocca di essere fedele in maniera perfino comica ai frusti e tristissimi codicilli della vulgata della repubblica nata dalla Resistenza, gli si rivolterebbe contro. Sotto altre forme, il caso Berlusconi verrebbe a riproporsi. E sarebbe la dimostrazione che non è Berlusconi la vera anomalia della politica italiana.

[pubblicato su Giornalettismo.com]

Articoli Giornalettismo

Renzi e i giustizieri

Ero stato facile profeta, due mesi fa, nel parlare di «lento assedio della sinistra giustizialista a Renzi». La vera battaglia per la riforma della sinistra Renzi non l’ha nemmeno cominciata. Renzi è stato bravo a presentarsi come l’uomo che rompe gli schemi e parla una lingua nuova, ma tutto questo suo accattivante agitarsi nascondeva una reticenza di fondo. Era un modo di far finta di prendere il toro per le corna, quando invece si prendeva per le corna una capretta. A sinistra il vero toro da rispedire in stalla era il giustizialismo, non quel vetero-socialismo che peraltro, col perdurare della crisi, sta tornando di moda anche fra chi in questi anni si era politicamente accampato fra i democratici con veltroniana fatuità.

D’altra parte anche la filosofia della rottamazione, a ben vedere, costituiva una specie di giustizialismo giocoso, che permetteva a Renzi di essere allo stesso tempo dirompente ed ambiguo. Ciò gli ha conservato in qualche modo, e per qualche tempo, le simpatie di ampie schiere del popolo di sinistra, ma gli anche assicurato l’appoggio di quella grande stampa dell’ex triangolo industriale che da anni ormai si è piegata al verbo giacobino, nell’illusione di potersene servire per patrocinare disegni politici tecnocratici o centristi. Il risultato è però che il Pd di Renzi ha sfondato al centro conquistando i voti di un certo elettorato moderato sfiancato dalla pedagogia ossessiva del circo mediatico-giudiziario, elettorato che ha scelto di arrendersi a Renzi piuttosto di non votare; ma non ha affatto ridimensionato quella specie d’identitarismo di sinistra costituito dalla mistica della questione morale, credo politico che dopo il crollo del Muro di Berlino ha occupati nel mondo post-comunista gli spazi lasciati vuoti dalla dottrina marxista.

Era inevitabile, perciò, che con la fine della luna di miele fra Renzi e gli italiani – fine che non gli si può imputare più di tanto in quanto nell’attuale situazione anche a un santo o a un genio sarebbe capitato lo stesso – l’anima giustizialista della sinistra in generale e del suo partito in particolare cominciasse a prendere per il bavero il condottiero fiorentino e a chiedergli sempre più insistentemente una confessione di fede. Ed è così che sono saltate fuori le liste di proscrizione della Bindi a mettere brutalmente sul tappeto la questione sulla natura del Partito Democratico: qual è il vero Pd? Il partito entrato nella famiglia dei socialisti europei o il partito giacobino di massa del quale, sulla fine degli anni settanta del secolo scorso, partendo da lidi diversi, Scalfari e Berlinguer posero le basi?

Singolari, ed eloquenti, le ragioni che hanno spinto uno dei guru del partito della legalità, Roberto Saviano, a criticare le liste bindiane. E significativo il fatto che tali ragioni nella sostanza siano state fatte proprie, dopo qualche dichiarazione ambigua, dal presidente dell’Anticorruzione Cantone, la cui nomina è stato il primo vistoso segno di cedimento di Renzi alle istanze giacobine. Secondo Saviano, il peccato commesso dalla Bindi starebbe in questo: inchiodando pubblicamente alcuni personaggi alle loro presunte colpe, avrebbe di fatto assolto tutti gli altri. Infatti, l’essenza politica del giustizialismo, al quale della legalità e dei modi lungimiranti di mettere un freno al malaffare non importa in realtà un bel nulla, non sta tanto, o non sta solo, nel far rotolare un certo numero di teste, piccolo o grande che sia; sta piuttosto nel tenere tutti quanti sotto scacco, esercitare un sempre più ampio potere di veto, imporre un nuovo linguaggio – come quello che, oggi, mira demagogicamente e spudoratamente ad assimilare alla mafia qualsiasi tipo di malaffare – e infine puntare al potere tout-court.

Intanto, per la prima volta, Renzi, sul tema della giustizia, sembra quasi costretto a dare spiegazioni. Ma non può illudersi più di tanto: per i giacobini il compromesso dura solo un giorno, e costituisce una piattaforma sulla quale erigere nuove torri d’assedio.

[pubblicato su Giornalettismo.com]

Articoli Giornalettismo

Il lento assedio della sinistra giustizialista a Renzi

Al momento dell’elezione di Sergio Mattarella scrissi che il nuovo presidente della Repubblica avrebbe potuto costituire un problema per Matteo Renzi. Il cattolico adulto Mattarella è uno di quei democristiani di sinistra di triste memoria che col tempo hanno accettata in toto la lettura progressista della storia dell’Italia repubblicana; premiati per questo con la cooptazione nella sinistra politica vera e propria, la loro ortodossia, anche se non sempre ostentata, è quella di ferro che contraddistingue chi è stato risparmiato. Se sembrano remissivi, la loro remissività è rivolta soprattutto verso quest’ordine di cose e chi lo rappresenta. Renzi invece è nato prodiano e margheritino, e quindi già a sinistra, e quindi senza complessi d’inferiorità nei suoi confronti: la vulgata può anche sposarla ma gli è anche più facile esserle infedele, o esserle fedele senza cadere in uno zelo ridicolo. Perciò previdi, in quell’articolo, che nei momenti topici Mattarella avrebbe ubbidito a Scalfari, il papa della chiesa giacobina, piuttosto che al Rottamatore.

Il primo di questi momenti è arrivato col pasticciaccio brutto del triplice omicidio al Tribunale di Milano, dove un forsennato ha ammazzato un magistrato, un suo ex-avvocato e un suo coimputato nel processo che lo vede coinvolto per il fallimento di un’immobiliare: un tragico fatto di cronaca, ovviamente, peraltro non dissimile da altri fattacci accaduti in passato in giro per il vasto mondo. La solita compagnia di giro giacobino-giustizialista, con una spudoratezza che solo in un paese profondamente malato come l’Italia non poteva provocare l’ilarità generale, ha messo in conto l’efferato delitto ad un presunto clima di delegittimazione nei confronti di una magistratura impegnata in uno sforzo titanico per ripulire l’Italia dai suoi mali. Il sobrio presidente della Repubblica ha pensato bene di dare una benedizione istituzionale a tale corbelleria. Non sappiamo quanto Renzi sia rimasto sorpreso da tanta sollecitudine, ma forse un pochettino sì, altrimenti non lo avrebbe insediato sull’alto scranno. Se Matteo in cuor suo era convinto di aver parcheggiato un soprammobile sul colle, ha sbagliato malamente i suoi conti, non foss’altro perché anche per fare il soprammobile in certi momenti ci vogliono gli attributi.

Eppure a Renzi, che passa per essere sveglissimo, qualcosa del genere era già accaduto con la nomina di Raffaele Cantone a presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione un annetto fa. Non che pensasse a costui come un soprammobile, ovviamente. Fatto sta, però, che anche sul piano politico, ancorché indirettamente, la presenza di Cantone si è rivelata sempre più ingombrante. Nel giro di un anno Cantone, grazie al suo protagonismo non sguaiato ma ossessivo e alla claque mediatica che accompagna ogni suo passo, è diventato agli occhi dell’opinione pubblica il poliziotto d’Italia, il controllore della legalità repubblicana, il prefetto della cittadella della politica. E nel contempo la magistratura, con qualche lustro di ritardo, ha scoperta l’acqua calda, cioè che anche a sinistra gli intrecci malsani tra politica ed economia sono all’ordine del giorno, tanto da svelare un po’ alla volta le fattezze di un sistema che tutta la farisaica cultura della legalità sbandierata in questi anni non ha minimamente scalfito.

Tuttavia tutto ciò costituisce più che altro un avvertimento rivolto a Renzi e al Pd di Renzi. La sinistra italiana può anche sopportare riforme o riformicchie vere o false, può anche sopportare l’impronta liberal che Renzi intende trasmetterle, ma non può accettare che la sua pretesa d’incarnare la migliore Italia, onesta e democratica, antifascista e antimafiosa, contrapposta all’Italia peggiore, venga messa in discussione, e non può rischiare che i nomi della Dc, del Pentapartito, di Craxi e di Berlusconi vengano riabilitati. E ciò non avviene per caso: Renzi non ha mai affrontati i nodi veri della questione socialista, che è la questione tout-court della sinistra italiana; ha preferito saltare nel futuro, pensando di poter costruire un futuro senza fare i conti col passato: sarà costretto a farli, invece, e a rompere il lento assedio che si sta profilando, se non vorrà che il renzismo rischi di passare alla storia come il jovanottismo in politica, cioè la fuffa all’ennesima potenza.

[pubblicato su Giornalettismo.com]

Articoli Giornalettismo, Italia

Il vero male italiano

Fino a qualche tempo fa il male italiano per antonomasia, secondo la dottrina del culto della legalità, erano le mafie al plurale. Qualche settimana fa l’ispirato e un po’ scalmanato Don Ciotti ha aperto gli occhi agli esaltati dello sbrigativo partito giustizialista confermandoli in quello che nel segreto del loro cuore avevano sempre saputo: mafia uguale corruzione. Perciò non è strano che l’ultimo libro del presidente dell’Anticorruzione – come quasi tutti i magistrati impegnati nella lotta contro le mafie al plurale, anche Raffaele Cantone è un grafomane: sette-otto libri scritti negli ultimi sette-otto anni, ad occhio: un cannone – non è strano, dicevo, che l’ultima sua fatica letteraria, scritta in collaborazione col giornalista Di Feo, si intitoli “Il male italiano. Liberarsi della corruzione per cambiare il Paese”. Anche il libro, possiamo ben dire, è il coronamento di un percorso.

La lotta alla corruzione è sempre stata la fissazione dei regimi comunisti: se il paradiso marxista non funzionava la colpa era delle cricche corruttrici e del rilassamento dei costumi. Anche le epurazioni al vertice dello stato, risultato di una vera e propria guerra fra cricche, venivano giustificate da questo genere di accuse. Ora, io onestamente non credo che Raffaele Cantone sia un bolscevico; però leggo nelle anticipazioni giornalistiche che secondo lui per combattere l’Anticristo, cioè la corruzione, oltre alla repressione e alla prevenzione «è indispensabile una presa di coscienza della pericolosità del male, del danno che crea a tutti i cittadini, una vera rivoluzione culturale». Il che suona sinistramente maoista.

E’ preoccupante, piuttosto, che un po’ alla volta certe espressioni da sanculotti siano diventate moneta corrente in Italia, e che ormai nessuno ci faccia più caso. Pur di fare la guerra a Berlusconi, accusato – vien da ridere, oggi, considerati i pazzi a piede libero che si vedono in giro – di populismo, sia la sinistra sia la grande stampa per anni hanno solleticato il populismo più becero, che è appunto quello giustizialista-giacobino, il più vecchio, elementare e fallimentare del mondo. Il partito della palingenesi, per metà popolato da ingenui, per metà da furbacchioni senza scrupoli, è fortissimamente convinto che con la liquidazione dei corrotti tutti i problemi dell’Italia si risolveranno d’incanto. E tuttavia si osserva un fatto strano: quasi tutti i politici tuonano contro la corruzione, così come gli enti, le associazioni, gli ordini, la società civile, perfino la chiesa, tutti, tutti tuonano contro la corruzione; eppure il business della corruzione sembra essere più florido che mai.

Ed infatti tutto questo pigia pigia, questo sgomitare legalitario obbedisce più a logiche di potere ed opportunismo che a crescente civismo. E’ l’ennesima manifestazione del vero male italiano, di quel voltagabbanismo che ci spinge a lucrare sulle disgrazie dell’altro, facendo ridere lo straniero. Si capisce che in questo quadro lo spazio per la politica, che per natura è preposta a non dare mai risposte definitive, e tuttavia funzionali, ai problemi della convivenza civica, è ridotto al lumicino: fare cioè da ancella ai grandi sacerdoti della rivoluzione. Questo pericolo è sempre presente in tempi di democrazia. Il problema è che mentre in altri paesi europei il sentimento nazionale sembra ancora preservare un istinto di autoconservazione capace di evitare l’avvitamento fatale, nel nostro paese, dopo settant’anni di vita repubblicana fondata sulla divisione antropologica fra buoni e cattivi questo sentimento sembra invece molto indebolito.

[pubblicato su Giornalettismo.com]

Articoli Giornalettismo, Italia

La vera storia di “1992”

La vera storia di “1992” inizia l’otto settembre del 1943. Col senno di poi si può dire che l’armistizio privò l’Italia di una salutare sconfitta. L’anno e mezzo che vide la risalita su per lo Stivale degli Alleati permise infatti a mezza Italia, quella più compromessa col regime fascista, di rifarsi una verginità, e di trasformare una cocente sconfitta in una mezza vittoria: la fascistissima Italia, anche nella sua configurazione territoriale, divenne l’Italia comunistissima del dopoguerra. Così, grazie ad un fenomeno militarmente del tutto secondario come la Resistenza la sconfitta dei tedeschi divenne la vittoria dell’Italia antifascista. E da allora, senza che nessuno si metta a ridere, con la giornata della Liberazione l’Italia può festeggiare vittoriosa una guerra strapersa.

Trattandosi di una mezza vittoria, conseguita (si fa per dire) da una mezza Italia riscopertasi improvvisamente virtuosa, è chiaro che la mezza sconfitta era da imputare a quell’altra mezza Italia che restava. Senza questo imbroglio, i cui frutti velenosi stiamo cogliendo ancor oggi, l’Italia dell’immediato dopoguerra sarebbe stata un paese onestamente unito e in qualche modo pacificato nella vergogna e nella sconfitta, come accadde per la Germania e il Giappone. La setta dell’antifascismo, in parte per nascondere i propri sensi di colpa, in parte per accrescere il proprio potere, cominciò allora a tiranneggiare il resto del paese con l’arma del sospetto.

Le elezioni del 1948 dovevano siglare il trionfo della setta dell’antifascismo, cioè – sociologicamente parlando – degli opportunisti con la coscienza sporca. Ma così non fu. Vinsero le beghine cattoliche, per fortuna dell’Italia. La sinistra italiana elaborò la sconfitta in questo modo: la democrazia in Italia non si era ancora compiuta; la Democrazia Cristiana ed i suoi alleati costituivano una sopravvivenza del fascismo, almeno come fatto antropologico; l’Italia era un paese a sovranità limitata, clerico-fascista, governato da disonesti e corruttori; votare comunista, come diceva un manifesto elettorale del 1953, ossia 62 anni fa, significava votare «per l’onestà contro la corruzione», e beninteso, per la vera democrazia. In sintesi il messaggio era questo: in Italia la democrazia è sospesa, in attesa della sua piena attuazione; il paese è in mano a un regime corrotto; la Resistenza è stata tradita.

Questa lettura della storia repubblicana, ostinatamente propagandata e fatta propria da ampi settori della cultura, fu all’origine del fenomeno terroristico, o per meglio dire, della profondità e vastità del fenomeno terroristico di sinistra in Italia, almeno se confrontato con quello che colpì la Francia e l’ex Germania Ovest negli anni settanta e ottanta del secolo scorso. Le Brigate Rosse la sposarono in pieno e ne trassero con coerenza le sciagurate conseguenze. L’abbandono del cadavere di Aldo Moro in Via Caetani, a metà strada tra la sede di Via delle Botteghe Oscure del Partito Comunista e quella di Piazza del Gesù della Democrazia Cristiana, era una simbolica accusa al PCI di mancanza di coerenza: come poteva il Partito Comunista cercare un compromesso storico con dei partiti infettati dal fascismo antropologico e dalla corruzione? Il PCI, perciò, pagava, o meglio, faceva pagare al paese il prezzo della sua doppiezza: per decenni aveva usata quella propaganda intimidatoria come un ricatto per allargare il suo potere reale in un paese sempre più sfiancato dal radicalismo politico, ed ora, quando il compromesso storico pareva coronare questa ascesa, il gioco gli era sfuggito di mano.

L’opzione del compromesso storico era dovuta anche alla necessità di fronteggiare tempi nuovi: il mito della società comunista si stava sgretolando in tutto il mondo. E anche in Italia il nuovo, in un panorama politico nel quale l’influenza del più grosso partito comunista d’occidente aveva avuti effetti raggelanti sull’evoluzione della Democrazia Cristiana, si fece finalmente sentire: a sinistra con il successo del socialismo craxiano; a destra, più confusamente, con il fenomeno leghista, che fondamentalmente incarnava una forma di protesta dell’elettorato conservatore nei confronti della Democrazia Cristiana. Era un’Italia che voleva diventare politicamente europea. Alla minaccia del nuovo la sinistra rispose con la berlingueriana questione morale: da marxista-giacobina la sinistra si ridusse a giacobina, sic et simpliciter.

Mani Pulite nacque nel cuore dell’Italia conservatrice, nel Lombardo-Veneto, non perché il quel pezzo d’Italia il sistema delle tangenti fosse più diffuso che altrove, ma perché lì erano più forti le istanze di modernizzazione. Mani Pulite, politicamente, nacque a destra. I magistrati si sentirono di passare all’azione in Lombardia e poi in Veneto perché proprio lì sentivano di avere l’appoggio dell’opinione pubblica. Nei primissimi tempi, quasi carnevaleschi, di Mani Pulite la sinistra fu molto guardinga: la gazzetta delle procure non era La Repubblica ma L’Indipendente di Vittorio Feltri, lo stesso che fu poi il direttore, dal 1994, del Il Giornale berlusconiano. Ma ben presto la sinistra post-comunista, in gravissima crisi dopo il crollo del Muro di Berlino, s’impadronì di Mani Pulite per trasformarla nella camera a gas della DC e dei suoi alleati. Perciò lo stesso popolo conservatore che l’aveva resa possibile fu il primo a sconfessare Mani Pulite. Lo si vide nelle elezioni del 1994.

Le quali per la sinistra italiana (il socialismo craxiano era stato liquidato) furono un nuovo 1948. Vinsero i berlusconiani, per fortuna dell’Italia. La sinistra italiana elaborò la sconfitta come aveva fatto nel 1948: la democrazia in Italia non si era ancora compiuta; Berlusconi e i suoi alleati costituivano, almeno come fatto antropologico, una sopravvivenza della DC e dei suoi alleati, i quali, sempre come fatto antropologico, avevano costituito, come si ricorderà, una sopravvivenza del fascismo; l’Italia era ancora un paese governato da disonesti e corruttori, più che mai compromessi con la mafia; votare a sinistra, come nel 1953, significava ancora votare «per l’onestà contro la corruzione», e beninteso, per la vera democrazia, la quale era ancora in attesa della sua piena attuazione, se non si voleva tradire la Resistenza: roba da deficienti.

Tangentopoli non colpì solo il mondo politico (peraltro con esemplare parzialità: c’è chi poteva non sapere, c’è chi non poteva non sapere), ma anche il mondo imprenditoriale. Sotto le forche caudine di Mani Pulite caddero un po’ tutti, compresa la Fiat e De Benedetti. Ma non Berlusconi, come qualcuno ha forse dimenticato, e come tanti giovanotti ignari forse immaginano. La verità è che Tangentopoli doveva essere propedeutica al trionfo della sinistra e a quello della democrazia compiuta. Avendoli infranti bisognò poi vedere in Berlusconi lo scaltro profittatore dello sconquasso di Tangentopoli e allo stesso tempo lo scaltro restauratore della democrazia incompiuta e, va da sé, corrotta. Ed è solo per questo, cioè in piena obbedienza alla ridicola vulgata di regime (e come avrebbe potuto essere altrimenti?) che Stefano Accorsi nella serie “1992” indossa i panni di un esperto di marketing di Publitalia che viene coinvolto da Dell’Utri nel progetto che porterà alla nascita di Forza Italia. Della serie: balle ultra-spaziali.

[pubblicato su Giornalettismo.com]

Articoli LSblog

La commedia degli onesti

A Maurizio Landini sono sfuggite parole piuttosto sgradevoli nei confronti del Presidente del Consiglio: «Renzi», ha detto il leader della Fiom, «non ha il consenso delle persone oneste». La frasetta velenosa ha fatto rumore. A Landini hanno tirato le orecchie non solo esponenti del governo o della politica in generale, ma anche pezzi grossi di Confindustria, nonché tutte le gazzette della penisola, tranne quelle dei fanatici. Benché giustificata, c’è qualcosa di vagamente surreale in questa corale rampogna.

La potentissima mafia degli onesti assedia la repubblica italiana fin dalla sua nascita. Sui manifesti della campagna elettorale del 1953, ad esempio, si poteva leggere: «Votate P.C.I. – Per un governo di uomini onesti», oppure «Vota comunista – Per l’onestà contro la corruzione». Con il crollo del comunismo l’onestà (e la disonestà degli altri) è diventata l’unico argomento, l’unica ragione d’essere, l’unico messaggio politico della sinistra orfana del marxismo; anche se qualcuno osserverà, a ragione, che la politica dovrebbe essere connaturata proprio a quella società civile che ci ha fatto uscire dallo stadio belluino dei buoni contro i cattivi. Da noi la società civile è invece una sceltissima parte della società, è la Cassazione dell’opinione pubblica, e propugna esattamente questo: la lotta dei buoni contro i cattivi, la lotta della società civile contro la società incivile.

Ed è così che un po’ alla volta il minaccioso partito dell’onestà e La Repubblica hanno rimpiazzato il partitone comunista e L’Unità, finendo per guadagnare alla loro sbrigativa causa anche la grande stampa pantofolaia milanese e torinese. Mettere in dubbio l’onestà, ed anzi proclamare la disonestà genetica di democristiani, socialisti craxiani e berlusconiani è stato per decenni il passatempo preferito dell’autoproclamatasi società civile, dei suoi referenti politici e dei suoi organi di stampa, un vero e proprio segno di distinzione; e denunciare cricche e caste è diventata tutta la beata occupazione di un’armata di giornalisti, politici, e intellettuali di complemento.

Col tempo la malattia si è estesa a tutto un popolo: ad un certo punto in Italia non si trovava più neanche un povero cane pidocchioso che non si ritenesse onesto, offeso, umiliato e buggerato dalle cricche. Ma così, purtroppo, alla razza disonesta veniva a mancare il materiale umano. E’ stato dunque per un’impellente necessità organica che il corpo della nazione ha partorito la fazione vaffanculista (quella propriamente detta e quella di rincalzo) e il suo quotidiano di riferimento: è il partito degli onestissimi indispensabile a rimettere in moto la circolazione; il quale adesso usa il linguaggio degli onesti contro il partito degli onesti; i quali adesso si sentono mortalmente offesi da tanta grossolana volgarità. Mentre la sullodata stampa pantofolaia riscopre all’improvviso tutta la nefanda bruttezza del giacobinismo di piazza.

[pubblicato su LSblog]

Articoli Giornalettismo

La pochade mediatico-giudiziaria

Dovrebbe essere una cosa tremendamente seria, ma dopo tanti anni di stato di polizia a bassa intensità si ha quasi l’impressione che il circuito mediatico-giudiziario cominci a far ridere. Come una pochade, appunto. Gli schemi sono saltati tutti, quasi fossimo alla fine di una partita di calcio spossante e decisiva, e di salvare le apparenze ormai non si preoccupa più nessuno. Così ieri, puntuali come il sole all’alba, dopo la notte rappresentata dalla disfatta del processo Ruby, sono spuntate nuove eclatanti rivelazioni riguardanti il Mistero Occulto della Trattativa Stato-Mafia. Prima la registrazione di una conversazione tra Emilio Fede e il suo “personal trainer”, carpita di nascosto da quest’ultimo: un coacervo di frasi smozzicate di difficile comprensione, ma perfetto per lo stile allusivo dei professionisti della possente macchina del fango dei fanatici della Costituzione. E poi una nuova puntata dei “Dialoghi dal carcere” di Totò Riina, una soap-opera che va avanti da anni e che ha per protagonisti l’ex boss mafioso e un collega galeotto. I casi sono due: o Totò Riina è così rimbambito da non sospettare nemmeno di essere intercettato; oppure lo sa benissimo e in preda a manie di protagonismo chiacchiera a vanvera dicendo quello che sa e quello che non sa. Le puntate di questa soap-opera escono irregolarmente sui giornali, e sono per lo più dei brani scelti, un florilegio di solenni smargiassate (o minchiate, per dirla con Totò) sempre in straordinaria sintonia coi momenti caldi dell’attualità politico-giudiziaria. L’ultimo capitolo pubblicato è di ieri: Riina racconta con le sue parole di come Borsellino fosse intercettato dalla mafia e di come fosse stato lo stesso magistrato ad azionare inconsapevolmente il congegno esplosivo che l’avrebbe ucciso. Ed è uscito ieri anche perché l’altro ieri (o quasi) era l’anniversario della morte di Borsellino, quest’anno valorosamente animato dalla piazzata sanculotto-cospirazionista del pm antimafia Di Matteo, nuovo grande sacerdote del Culto fondato sul dogma della Trattativa.

Ridere di tutto questo è ormai un dovere civico.

[pubblicato su Giornalettismo.com]

Articoli Giornalettismo

La corruzione? Figlia della questione morale

Dicono i sostenitori del mercato: è tutta colpa dello statalismo, della burocrazia, delle migliaia di leggi che si accavallano e contraddicono. Hanno ragione, però alla base di tutto questo c’è una questione morale. Come? Proprio tu parli di questione morale, tu che ci sputi sopra dalla mattina alla sera? Sì, proprio io che ci sputo sopra, alla famosa questione e anche alla famosa società civile: cioè sputo sopra ai simulacri, agli idoli che ne hanno preso il posto.

Esiste infatti un sentimento morale che tiene unito un popolo, che lo forma, che lo raduna. Quando questo sentimento, nato da un’esigenza di libertà, compresa quella economica, vince sul tribalismo, sullo spirito di fazione, esso genera la società civile, cioè la società politica, cioè lo stato. Il senso civico, espressione di questo sentimento societario, di questo sentimento morale, distinto ma non avulso dalla morale vera e propria, è la consapevolezza di partecipare ad un destino comune (relativo, dentro la storia, s’intende, non inteso in senso assoluto o teologico).

Ma cosa succede quando questo popolo s’ammala, quando ritorna lo spirito di fazione? «Cosa succede», come già scrissi una volta, «quando viene meno o si affievolisce il sentimento societario e la fiducia che lo sostiene? L’apparato statale cresce di conserva, per inerzia, per tappare i buchi della trama sociale. Si nutre della malattia. Accentra i poteri, esce dalla sua dimensione funzionale, “dirige” la società, legifera su tutto.» E da quel momento cresce il numero di coloro che cercano la loro fortuna nell’assalto ad uno stato vorace che rastrella sempre più ricchezze e che è sempre più disprezzato.

L’ossessione per la questione morale e per la società civile in Italia è figlia dello spirito di fazione, dell’odio. La nozione della “questione morale” è stata propagandata nell’opinione pubblica per dividere la società civile nei buoni e nei cattivi, e la nozione della “società civile” per dividere la società civile da quella incivile. La questione morale e la società civile in Italia sono stati perciò usati per distruggere il sentimento morale della nazione e per distruggere la società civile. Non a caso i cretini che usano in continuazione questi termini sognano pure la «democrazia compiuta», come se nel loro paese fossero in esilio, come se «oggi» non si riconoscessero in un destino comune, almeno finché non sarà fatta piazza pulita, finché l’arto malato non sarà amputato de-fi-ni-ti-va-men-te dall’Angelo Sterminatore. E non si accorgono che col loro spirito settario hanno corroso il sentimento societario e hanno finito per nutrire la sfiducia, l’infingardaggine e la corruzione.

[pubblicato su Giornalettismo.com]

Articoli Giornalettismo, Italia

Processo al Lombardo-Veneto

Esistono le liste civetta ed esistono pure gli arresti civetta. Come quello del sindaco democratico di Venezia Orsoni. Su di lui calerà ben presto il silenzio. Gli arresti di questi giorni per il caso Mose sono solo il preludio del grande processo retroattivo al potere berlusconiano-leghista in Veneto. In Lombardia il processo mediatico-giudiziario al «sistema Formigoni» è stato seguito dal caso Expo; in Veneto il caso Mose farà da prologo al processo mediatico-giudiziario al «sistema Galan».

Anche il ciclone di Mani Pulite nel 1992 investì prima la Lombardia e subito dopo il Veneto. Molto meno il resto d’Italia, soprattutto quell’Italia in cui il sistema economico-politico era (ed è) così oliato, così osmotico, così organico e per così dire così istituzionale da perdere qualsiasi caratterizzazione criminale. Il Lombardo-Veneto era invece una roccaforte di quel potere democristiano, già indebolito dalla fronda destrorsa leghista, che più di altre sue versioni bisognava consegnare alla damnatio memoriae in quanto meno sensibile ai dogmi laico-progressisti dell’Italia «nata dalla Resistenza» e «fondata» sovieticamente «sul lavoro». Tanto che un importante leader veneto della DC, Antonio Bisaglia, giunse ad abbozzare il progetto di una «DC bavarese» e in un’intervista del 1982 disse: «il Veneto sarebbe maturo per uno Stato federalista, ma questo Stato, centralista e burocratico, alla mia regione l’autonomia non la concederà mai». Non fu un caso se nel 1992 nelle terre della Serenissima in qualità di commissario della DC veneta fu spedita un’esaltata toscana come Rosy Bindi: al solo scopo di liquidarla, come si capì ben presto.

Il Lombardo-Veneto (quindici milioni di abitanti, senza il Friuli-Venezia Giulia) rappresenta un quarto del paese dal punto di vista demografico e assai di più dal punto di vista economico. Questo pezzo d’Italia cronicamente creditore, coi conti a posto, con un sistema sanitario efficiente e in equilibrio, dove perfino la raccolta differenziata funziona da lustri, dove anche recentemente una grande opera come il passante di Mestre è stata portata a termine con successo, sarebbe per una singolarissima coincidenza l’Italia del malaffare, cioè quella parte d’Italia che trascina con sé il resto del paese nel baratro. E’ una barzelletta.

La storia vera è un’altra. Esiste una Vulgata che ha diviso l’Italia nel paese degli onesti e in quello dei disonesti, nell’Italia Migliore e nell’Italia Peggiore. L’intervento dei magistrati arriva buon ultimo a «consacrare» definitivamente con le sentenze un falso storico che è frutto di un lavoro culturale velenoso, antidemocratico e illiberale, che dura dalla fine della seconda guerra mondiale. Alla prima vera prova, Renzi si è subito piegato a quella retorica farisaica della «questione morale» che finora, com’era ovvio fin da principio, non ha risolto un bel nulla e non ha fatto altro che ingrossare le file scalmanate dei sanculotti. Ma a vent’anni da Mani Pulite per viltà e convenienza si fa ancora finta di non capire che il vero problema è il «sistema Italia» regolarmente omologato.

[pubblicato su Giornalettismo.com]

Articoli Giornalettismo

Frutta di stagione

Il Nuovo Centrodestra è diventato un partito proprio per benino. Neanche l’arresto del Presidente del Consiglio Regionale della Campania, Paolo Romano, candidato Ncd alle europee, ha scalfito la serafica compostezza degli ex-berlusconiani davanti all’attivismo inesauribile e un po’ megalomane della nostra magistratura. Si capisce bene che ormai s’ispirano alla faccia tosta dei democratici. Da questo punto di vista Renato Schifani ieri ha raggiunto la perfezione, rispondendo così alla stampa: «Dispiaciuti per quanto accaduto, siamo un partito garantista ma attento alla trasparenza: siamo dispiaciuti per questi arresti domiciliari, ma non siamo un partito che grida al complotto. (…) Auspichiamo che al più presto possa fare chiarezza. La campagna elettorale continua perché noi crediamo nei valori del garantismo ma anche della legalità.» Non capisco però perché ci si dia tante arie per non aver gridato al complotto. Gli italiani sono proprio fissati coi complotti. Tutti i dati empirici di cui disponiamo provano con certezza, invece, che ci troviamo di fronte ad una malattia stagionale professionale. E’ così: ogni volta che le elezioni si avvicinano, i procuratori di mezza Italia, ossia i custodi della legalità, cadono preda di una voglia incoercibile di protagonismo. Sono un po’ come quei piccoli tirapiedi della burocrazia di ogni tempo e di ogni luogo, la cui unica consolazione consiste nel trovare la giusta occasione per far sentire al malcapitato di turno il peso della loro imprescindibile funzione. Ed è così che per miracolo i tempi degli arresti maturano tutti insieme improvvisamente, al primo sole caldo della stagione delle elezioni. Tanto per ricordare ai politici che costoro non hanno ancora bene inteso «chi sono loro».

[pubblicato su Giornalettismo.com]

Articoli Giornalettismo

Una settimana di “Vergognamoci per lui” (176)

Un giorno di gogna non fa male a nessuno. Come dicono i filosofi più in gamba, è tutta esperienza. Su GIORNALETTISMO.COM

ANTONIO RAZZI 28/04/2014 L’uomo è simpaticissimo, e forse, purtroppo, uno degli ultimi esemplari di una razza in estinzione. Dotato di un’eloquenza da sagra di paese, tale e quale la sua filosofia, rilassata, elementare, odorante di stalla ma non triviale, nemica di ogni suscettibilità e perciò virile, Antonio riesce a dire castronerie immense, ma con la grazia suprema di una natura, la sua, sempre fedele a se stessa. Pensate solo alla cavolata recentissima, irresistibile, sugli «uomini sessuali», che ha il timbro della perfetta innocenza dell’amatore instancabile ma senza grilli per la testa. In una parola, un fenomeno. Ecco perché siamo doppiamente dispiaciuti che uno schietto fanfarone come Razzi, intervistato da quelli de “La Zanzara”, in quanto a donnesche imprese abbia ostentato numeri mirabolanti, ma non all’altezza della sua fama. Eppure nella stessa intervista Razzi ci aveva deliziato con un’altra delle sue perle di saggezza; questa, candida ed incantevole: «Oggi i latin lover italiani stanno diventando sempre meno, Berlusconi ha portato avanti questa CULTURA». Ma per quanto riguarda i numeri Antonio si era purtroppo fermato a mille: «Dai 17 fino ai 26 anni ho avuto tante donne, circa mille facendo il conto. Avevo un taccuino dove annotavo tutto, nome, nazionalità e davo anche il voto». Mille purtroppo è un numero di «conquiste» fattibile. Ho fatto anch’io un conto elementare: significa cambiare donna ogni tre giorni circa. Certo per i comuni mortali sarebbe sempre un’impresa straordinaria, e non priva di sacrifici quasi sovrumani: pensate a tutti quei bocconcini formidabili che avreste dovuto trascurare dopo averli assaggiati per correre dietro ai numeri! Diecimila sarebbe stato invece un numero bello e impossibile: l’unico, perciò, degno del poeta Antonio.

AMBROGIO MARRONE 29/04/2014 Ritengo in cuor mio che nemmeno il più acerrimo dei suoi nemici, se appena appena alberga ancora in cuor suo, appunto, un rimasuglio di quei sempiterni sentimenti di fratellanza che fanno dell’uomo il più nobile re degli animali, più ancora dello suscettibile, celebrato e fulvocrinito satrapo della savana; e che lo trasportano, elevandolo, in lontananze azzurrine percorse dallo spirito divino; ritengo, appunto, che nemmeno questo non del tutto perduto arcidiavolo possa negare a Berlusconi il merito di aver restituito ad una ristretta classe di persone alquanto augusta il gusto, appunto, di una prosa rigogliosa, florida, turgida, tentacolare, ricca di subordinate, magniloquente, sempre sul punto di crollare sotto il peso di lussureggianti festoni di aggettivi e meravigliose ghirlande di avverbi; avviluppantisi, questi festoni, intorno a orditi sintattici arditi quando non chimerici, simili a quegli smilzi e leggiadri rametti che formano quel diafano reticolato che regge lassù, miracolosamente ma vittoriosamente, la nobile, fluttuante, leonina chioma di alberi secolari di fiera bellezza saettanti con uguale dignità, maestosi e sereni, contro cieli pigramente celesti o furiosamente procellosi; e perciò capace – parlo sempre della prosa, appunto – capace dunque di trasmettere, trasportare, traghettare senza cadere in una disperante insensatezza, e senza perderne una goccia, tutta la formidabile, variegata, frammentata, eterogenea complessità in cui si articola il più elementare dei pensieri umani; e di farlo con la grazia che ai frutti di un’edificazione onesta sa aggiungere l’onesta e rossa ciliegina di quel piacere sottile, delicato, a volte ineffabile, che sempre, infallibilmente, s’accompagna alla contemplazione delle cose ben fatte, tornite e rifinite. Questa cerchia privilegiata di persone, questo nobile consesso, questo club esclusivo, è composto dai magistrati della Repubblica Italiana nata dalla Resistenza. Puntualmente, quando c’è di mezzo Berlusconi, la loro vena artistica si scatena in un affannoso tentativo di illustrare quanto vituperando, esecrando e nefando sia tutto ciò che circonda Silvio. Nelle motivazioni della sentenza di condanna dell’avvocato Castellaneta (caso escort-Tarantini) il gup del tribunale di Bari Ambrogio Marrone, per esempio, parla di «uno sconcertante quadro della vita privata di vari soggetti coinvolti nella vicenda, dalle ragazze sino all’allora presidente del Consiglio»; e scrive che «Il materiale probatorio, nel suo contenuto di oscenità e bassezza evidenzia la situazione di mercimonio del corpo femminile e la considerazione delle donne come semplici oggetti suscettibili di commercio a scopo sessuale». Certo, il risultato artistico è avvilente: la prosa è come incrostata da grigie e comiche ridondanze che sanno di burocratese. Ma i processi di Berlusconi sono un’infinità, e c’è quindi tutto il tempo per migliorare.

[P.S. – Nelle questioni linguistico-grammaticali di solito sono molto conservatore, ma non per partito preso (come si vede dal titolo, ad esempio, preferisco scrivere “vergognamoci” invece di “vergogniamoci”). Stranamente, le rare volte che faccio il “progressista” puntualmente vengo impallinato. In questo caso qualcuno ha ironizzato sull’uso dell’espressione “il più acerrimo nemico”, ravvisandovi un clamoroso errore. Ma il fatto è che da moltissimo tempo, quando si accompagna al sostantivo “nemico” , “acerrimo” non è più sentito come superlativo, ma come aggettivo a sé stante, vicino nel senso a “strenuo” o “spietato”. Infatti, se fosse sentito come superlativo dovrebbe valere “il più acre” e del “più acre nemico” non si è mai sentito parlare. L’espressione in questione è stata usata da Pirandello ed altri.]

ANDREA RICCARDI 30/04/2014 Lo storico, scrittore, ex ministro e fondatore della Comunità di S. Egidio è un cannone. Non scherzo: un cannone. Per dirla col mitico Antonio Conte da Lecce, Riccardi «sta sempre sul pezzo». Quando Giovanni Paolo II fu beatificato, nel 2011, il cannone diede alle stampe la sua biografia del colosso polacco, dal titolo dal sapore severo e definitivo: “Giovanni Paolo II. La biografia”. L’autunno scorso, ad appena qualche mese dall’elezione al soglio pontificio dell’uomo venuto dalla fine del mondo, il cannone pubblicò “La sorpresa di Papa Francesco. Crisi e futuro della Chiesa”, per far capire al mondo che di questa sorpresa, grazie allo Spirito Santo, lui aveva già capito tutto. Ma nell’anno, anzi, nei giorni della canonizzazione congiunta di Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II il cannone ha fatto i miracoli. Di libri ne ha fatti uscire due: “L’uomo dell’incontro. Angelo Roncalli e la politica internazionale”, il cui titolo richiama alla mente l’immagine dell’uomo «di pace» perennemente di moda, giacché sulla santità del papa buono non è neanche il caso di discutere; e “La santità di Papa Wojtyla”, il cui titolo invece insiste proprio su quella santità, e quindi su quella canonizzazione che è parsa troppo sbrigativa a certe teste dure che il cannone ha deciso di bacchettare e illuminare. Ma, insomma, cosa voglio dire con tutto questo? Voglio forse insinuare che il grafomane Riccardi è un po’ troppo opportunista? Che il suo formidabile tempismo amoreggia un po’ troppo con lo spirito del mondo? No. Opportunista è una parola un po’ troppo misera per uno che, allineato e coperto, pontifica da fuoriclasse: un cannone.

Articoli Giornalettismo

Una settimana di “Vergognamoci per lui” (166)

Un giorno di gogna non fa male a nessuno. Come dicono i filosofi più in gamba, è tutta esperienza. Su GIORNALETTISMO.COM

VLADIMIR LUXURIA 17/02/2014 Piatto ricco, mi ci ficco. Grande colpo della Vladi, che è riuscita a farsi arrestare nientemeno che dagli sgherri di Putin. Le sue amiche, preoccupatissime, si stanno mangiando le unghie per l’invidia. La sciantosa si è fiondata a Sochi, dove con la sua classe superiore ha abbagliato i poliziotti al suo primo apparire, ma solo per farli rimanere poi a bocca aperta tirando fuori come per magia una bandieretta arcobaleno con la scritta “Gay è OK” in russo. E’ stata arrestata e sbattuta in cella in men che non si dica da certi energumeni che ti raccomando. Un affondo fulmineo, un blitz trionfale: veni, vidi, vici. Ce lo ha confermato Imma Battaglia, presidentessa onoraria di “Dì Gay Project”: «L’atteggiamento degli agenti è stato brutale e aggressivo. Nessuno parla inglese. Ora si trova da sola in una stanza con luci al neon sulla faccia, presumibilmente in stato di fermo. Chiediamo un intervento immediato del ministro Bonino». Insomma, tutto sembra procedere a meraviglia, compresi quei poveri bruti di poliziotti che non parlano inglese. Accadde anche coi tifosi laziali arrestati in Polonia: nessuno lì, dissero, parlava inglese. La cosa non mi ha mai convinto molto: se non siamo noi i peggiori parlatori d’inglese del mondo è solo perché a sopravanzarci ci sono i francesi, che in certe cose, non fosse che per orgoglio, sono inarrivabili. Ma per ritornare alle imprese di Russia: ecco, io non vorrei rovinare la festa, però confesso che ho qualche timore per le sorti della spregiudicatissima Vladimir. Gli orchi di Putin tutto potevano aspettarsi, ma non questo: un’affascinante signora italiana con lo stesso nome dello Zar! Per adesso si stanno grattando vigorosamente il capoccione, nella vana speranza di capirci qualcosa. Ma poi? Non vorrei che con la scusa dello sdegno, stregati dall’intrigantissima Vladi, cedessero ad istinti belluini.

LA GIUSTIZIA PALLOSA 18/02/2014 Milano, vicenda Maugeri: la procura: «processate Formigoni». Roma, vicenda polizza vita: la procura: «processate Gasparri». Napoli, vicenda compravendita senatori: nuovo filone di indagini (mentre è già iniziato il processo contro il Berlusca, quello col Senato che si è costituito parte civile). Napoli, vicenda rimborsi facili: arrestato l’ex braccio destro del governatore Caldoro. Verona, l’accusa è corruzione: arrestato Vito Giacino, ex vice-sindaco della giunta Tosi. Palermo, trattativa stato-mafia: il pm Di Matteo querela Sgarbi, Ferrara, Facci e Deaglio. Piemonte, elezioni regionali 2010: il Consiglio di Stato boccia il ricorso di Cota contro la sentenza del Tar che le aveva annullate. Sant’Agata di Militello (Messina), associazione a delinquere: indagato l’ex sindaco e attuale senatore di Ncd Bruno Mancuso. E’ tutta roba degli ultimi giorni. Ma non pensate anche voi che sia venuto il momento di chiedere alla magistratura di bastonare con calda passione, feroce determinazione, per davvero e non per finta, come fa da vent’anni, pure i sinistrorsi? Non per amor di giustizia, che ci è antropologicamente estranea, ma così, per capriccio, per il gusto del nuovo, per puro estetismo, e soprattutto per non farci morire di noia?

GUIDO BARILLA 19/02/2014 Fino a poco tempo fa solo la zazzera un po’ scarmigliata e la figura atletica gl’impedivano di essere una delle figure pubbliche più noiose e prudenti del paese. Poi per due parole innocenti venne crocifisso dalla setta esaltata degli anti-omofobi. Quello fu il primo trauma. Gli toccò bere l’amaro calice della ritrattazione. E qui ebbe un secondo trauma, o, per meglio dire, qui fu folgorato dalla scoperta di quanto fosse piacevole essere in sintonia con lo spirito del tempo. E così l’altro giorno, intervistato da Gianni Minoli su Radio 24 le ha cantate schiette: Squinzi? Ha fatto bene a essere durissimo col governo Letta. Renzi? Energia rivoluzionaria. La Fiat? Ha usata Confindustria e poi l’ha mollata. Diego Della Valle e John Elkann? Scelgo Della Valle. Berlusconi? Siamo amici ma non mi ha mai chiesto di entrare in politica. Io, a naso, dico che non è finita qui. Lo terrò d’occhio. E’ una parabola umana che si prospetta interessantissima

LA «PRIMAVERA» UCRAINA 20/02/2014 E’ commovente vedere come i giornali occidentali stiano scoprendo solo ora, che siamo alle soglie della guerra civile, che in Ucraina potrebbe aprirsi lo scenario da incubo delle guerre nella ex-Jugoslavia. In fondo la copertura mediatica degli eventi ucraini dai tempi della rivoluzione arancione in poi è stata il modello per quella più recente delle primavere arabe: un misto di pigrizia, di conformismo e di democraticismo da salotto. Non lo dico adesso: lo scrivevo su Giornalettismo quattro anni fa. Adesso veniamo dunque a scoprire che di Ucraine ce ne sono almeno quattro. Due grandi: l’Ucraina ucrainofona (ortodossa) grosso modo ad occidente del Dnjepr; e l’Ucraina russofona (ortodossa) grosso modo ad oriente del Dnjepr. Due piccole: la Crimea, repubblica autonoma abitata da una maggioranza russa (ortodossa) vera e propria, e da una storica minoranza tatara (musulmana); e l’unico lembo di terra ucraina veramente europeo: le province dell’estremo occidente storicamente (oggi molto meno) multi-etniche (ucraini, polacchi, tedeschi, ebrei, rumeni, ecc.) cariche perfino nei nomi (Volinia, Transcarpazia, ad esempio) del loro retaggio polacco e asburgico, che hanno in Leopoli la roccaforte del cattolicesimo ucraino. La stessa Leopoli che in questi giorni molti buontemponi definiscono come la roccaforte del nazionalismo ucraino, neanche sospettando che il vero nazionalismo ucraino di Cattolicesimo ed Europa non vuol nemmeno sentir parlare.

FABIO FAZIO 21/02/2014 Come forse qualcuno di voi ricorderà, una decina di giorni fa, con l’irresistibile sicumera che sempre mi contraddistingue e che fa la mia e, spero, la vostra felicità, avevo predetto che al momento di rievocare la figura dello scomparso Claudio Abbado, il conduttore del Festival di San Remo, strizzando l’occhio all’Italia Migliore, non avrebbe mancato di menzionare “l’impegno civile” del direttore d’orchestra. Fabio Fazio, invece, ha avuto il cattivo gusto di tradire se stesso pur di negarmi un meritato trionfo. Oserei dire che me l’aspettavo. Anzi, me l’aspettavo senz’altro! In compenso, per darmi soddisfazione, Fazio ha preferito ricordare con tatto squisito le parole proferite dal celebre architetto, senatore e oserei dire suo amico Renzo Piano, nel discorso tenuto al Senato in commemorazione del suo amico – amico di Renzo – Claudio: «Abbado è sempre stato convinto di una cosa: che la bellezza, l’arte, la cultura rendono le persone migliori», non prima però di aver ricordato la cosa più importante: «Ho avuto l’onore della sua conoscenza e della sua amicizia». L’amicizia di Claudio, l’amico di Renzo.

Articoli Giornalettismo

Una settimana di “Vergognamoci per lui” (153)

Un giorno di gogna non fa male a nessuno. Come dicono i filosofi più in gamba, è tutta esperienza. Su GIORNALETTISMO.COM

SANDRO BONDI 18/11/2013 Il più lucido dei berlusconiani è sempre lui, Silvio Berlusconi, animale politico pittoresco ma profondamente razionale. Un mese e mezzo fa, votando la fiducia a Letta con una piroetta memorabile ha accettato di farsi umiliare per evitare il patatrac: una rottura traumatica, irrimediabile, che andava ben al di là dei numeri. Prendendo tempo non è riuscito ad evitare la scissione, ma è riuscito a governarla. I “governativi” hanno preso il nome abbastanza significativo, anche se orripilante, di “Nuovo centrodestra”, che se da una parte può suggerire l’ambizione di far le scarpe al centrodestra berlusconiano, dall’altra mette dei paletti al raggio d’azione politico del nuovo gruppo parlamentare. Inoltre, a dimostrazione che lo schema servi/padrone applicato al berlusconismo è fasullo, visto che le rivolte servili non prevedono per natura mezze misure, se gli “alfaniani” non hanno voluto rinnegare il loro vecchio capo, il Berlusca, da parte sua, con lo spirito costruttivo che gli è caratteristico e che gl’impedisce nei momenti bui di farsi accecare dall’amarezza, ha detto subito di considerare i “cugini d’Italia” non dei traditori ma dei futuri alleati, al pari dei fratelli d’Italia e dei fratelli leghisti. Perché sia l’idea strategica fondamentale sia la tattica del berlusconismo sono sempre quelle: la riunione del centrodestra italiano, di tutto il centrodestra, non di quello anemico che piace alla società civile; e il massimo pragmatismo. In fondo, il “nuovo centrodestra” potrebbe essere l’arma adatta per risucchiare i democristiani del centro dentro un partito dei “popolari” che poi in caso di elezioni avrebbe solo due possibilità: suicidarsi o berlusconizzarsi. Questo è un discorso incomprensibile solo per due categorie di persone: la massa inquietante dei morbosi nemici del Berlusca, e i non pochi morbosi amici del Berlusca. Tra questi ultimi uno dei messi peggio, uno che veramente non ci arriva mai, un caso oltremodo penoso, uno che di Silvio non ha mai capito un nulla solenne, è Sandro Bondi. Ospite, assieme alla non molto più perspicace compagna Manuela Repetti, di “In mezz’ora”, il programma condotto da Lucia Annunziata, di Alfano ha detto: «Quello che ha fatto è gravissimo. Confermo quello che penso, Alfano è una testa di rapa, e lo pensa anche la mia compagna. (…) Quasi certamente con Forza Italia andremo all’opposizione. (…) Gli scissionisti sono delle teste di rapa. Sono cinici e brutali.» Lucia Annunziata l’aveva invitato proprio per fargli dire questo, naturalmente; per dare il suo piccolo contributo alla causa del taglio di tutti i ponti tra i governativi e gli italoforzuti. Bondi non si è fatto pregare e ci ha dato dentro di gusto. Un genio.

LANCE ARMSTRONG 19/11/2013 Dicono che sia alla ricerca di uno sconto di pena, anche se non si capisce bene cosa potrebbe servire ad un ciclista squalificato a vita già quarantaduenne. Fatto sta che Lance comincia a fare sul serio, forse troppo sul serio, e accusa l’ex presidente dell’Uci Hein Verbruggen di complicità. Nel 1999, in occasione del primo Tour vinto dall’americano, Verbruggen (insieme alla sua cricca, come direbbero nel nostro paese) sarebbe intervenuto direttamente per occultare la positività di Armstrong ai controlli antidoping. Potrebbe essere vero, ma io ci andrei piano, vista la mancanza di scrupoli del personaggio. Già mi rompe non poco il fatto che costui mi abbia rovinato sette giri dell’Esagono – che insieme fanno la bellezza di circa 150 tappe – seguiti in diretta o in differita, come potevo, con l’occhio del minchione – sarei sempre io – intento a scrutare la classifica, a contare i minuti e i secondi di distacco tra questo e quello. Ma mi rompe moltissimo che nella smania di sembrare credibile adesso ci sbologni pure il predicozzo della vittima: «È ridicolo pensare che io voglia proteggere queste persone dopo tutto quello che mi hanno fatto». Dice infatti questo sfacciato. «Io non sto proteggendo proprio nessuno. Non provo nessun senso di lealtà verso di loro. Anzi li odio proprio. Mi hanno gettato sotto un bus in corsa. Con me hanno chiuso». Non c’è proprio niente da fare: un baro, anche da pentito.

GLI ADORATORI DI CAMILA 20/11/2013 C’era molto interesse nel bel mondo democratico italiano per l’esito delle elezioni presidenziali in Cile. I due sfidanti principali erano infatti di sesso femminile, la progressista Michelle Bachelet e la conservatrice Evelyn Matthei. Col 47% dei voti la grande favorita Bachelet non è riuscita comunque a vincere al primo turno, e andrà al ballottaggio con la Matthei che col 25% è andata molto al di là di quanto le era stato accreditato dai sondaggi. E tuttavia per la sinistra italiana il primo turno ha già visto un trionfo, quello della neo-deputata Camila, Camila Vallejo Dowling. «Camila conquista i cileni», titola per esempio l’Unita.it. L’ex leader studentesca è uno schianto di venticinquenne. Nei tratti del suo bel viso il sangue anglosassone e il sangue latino si sono fusi alla perfezione: il primo ne ha esaltata la regolarità, il secondo li ha ammorbiditi. Soffici cromatismi giorgioneschi hanno sovrinteso alla scelta dei colori: carnagione perlacea, luminosa, ma non esageratamente chiara, profondi occhi verdi tendenti più alla sobrietà del grigio che all’impertinenza dell’azzurro, capelli castani appena un po’ mossi. Tuttavia Camila ha due difetti imperdonabili: è comunista e ha l’anello al naso: un anello vero, non quello metaforico, bolscevico! Ma nemmeno questi sfregi grossolani inflitti incoscientemente a questo miracolo d’armonia sono riusciti ad infrangerne l’incanto. Tutti i cuori dei sinistrorsi italiani battono per lei: è bello sentirsi per una volta fratello di questi fanatici, nell’adorazione della bellezza femminile. Ma chissà quando arriveranno alla maturità – alla virilità! destrorsa! berlusconiana! – di confessare a se stessi e al mondo un così bel sentimento!

GIANNI CUPERLO 21/11/2013 Vertice italo-francese ieri a Roma. I professionisti dell’antagonismo, attivisti No-Tav e dei movimenti per la casa, ne hanno approfittato per solita esibizione muscolare condita di vittimismo. Tra le imprese più rimarchevoli un tentativo d’irruzione in un circolo del Pd, risoltosi con qualche spintone, targhe imbrattate da vernici spray e, mi par di capire, il lancio di alcuni petardi. Il candidato alla segreteria del Pd non ha lesinate dure parole nei confronti dei teppisti: «Non si può tollerare questo assalto a una sede di partito perché è un comportamento fascista». Ragionamento perfettamente condivisibile tranne che nella scelta di un vocabolo: «fascista». Gli antagonisti si considerano la punta di diamante dell’antifascismo italiano, i veri eredi dei partigiani che combatterono per la Resistenza; adorano la Costituzione repubblicana più di quelli di Libertà e Giustizia, o più di quanto i musulmani adorino il Corano, o più di quanto i maoisti di casa nostra adorassero il Libretto Rosso del Grande Timoniere; e riescono a credere ancora non solo alla realizzazione della società comunista classica ma anche a quella della società comunista bio-compatibile. Con questo background da comunisti esaltati non possono essere che quello che sono: dei facinorosi. Quindi fascisti non sono. Al massimo dei «fratelli in camicia rossa» per un fascista dall’occhio acuto in cerca di truppa futura ed in paziente attesa di accogliere reduci disillusi.

IL TRIBUNALE DI MILANO 22/11/2013 Ecco una cosa che un puttaniere di bocca buona e di scarsi mezzi nel suo candore non sarebbe mai capace di immaginare: che la deboscia del milionario gaudente necessiti di un sacco di fatiche. Pensate a Silvio: non solo gli è toccato organizzare a monte un «collaudato sistema prostitutivo», autarchico e costosissimo – che una volta dalle persone normali sarebbe stato chiamato semplicemente un «giro di mantenute», magari degno di un re – quando il mercato offre già più di tutto quello che la vostra malata fantasia può concepire, ma prima di riuscire a mettere finalmente qualcosa sotto i denti, si è anche dovuto sobbarcare il ruolo di regista di spettacolini erotici con protagoniste giovani donne impegnate in «balli con il palo da lap dance, spogliarelli, travestimenti e toccamenti reciproci», robetta alla quale per essere ufficialmente accolta nel vissuto dell’inclusiva società civile – che già ora flirta col burlesque e coi videoclip musicali softcore – manca solo di essere rappresentata al Teatro dell’Opera. Agli occhi della nostra occhiuta giustizia questo edificio barocco, così stridente coi gusti del sesso predatorio, è invece un’aggravante: come ogni ridicolo bigottismo, anche quello dei partigiani della legge vede ciò che vuole.

Articoli Giornalettismo

Una settimana di “Vergognamoci per lui” (138)

Un giorno di gogna non fa male a nessuno. Come dicono i filosofi più in gamba, è tutta esperienza. Su GIORNALETTISMO.COM

NANNI MORETTI 05/08/2013 C’è un po’ di delusione nelle file dell’Italia onesta e democratica: il Caimano non si fa vedere. Questo non quadra con uno degli assiomi più importanti della Grande Bubbola: la natura caimanica del Berlusca, uno dei mostri creati dall’ostinato sonno della ragione della sinistra, che da moltissimi decenni è di gran lunga la più grande disgrazia del nostro paese. A dare dignità artistica e quindi plausibilità alla figura del mostro fu il solito pluri-premiato artista di regime. Lo fece con la finezza che gli è riconosciuta. Sulla scia profetica dei suggerimenti del Vate, da allora si è lavorato incessantemente per piegare la realtà alla fiction. Ma il Berlusca è guizzante come un pesce e non si fa incastrare tanto facilmente, senza contare che vent’anni di caccia all’uomo, se lo hanno esasperato, ne hanno anche affinato l’istinto. Quasi due anni fa resistette fino all’ultimo e praticamente da solo all’assedio portato al suo governo. Date le dimissioni ingollò l’amarezza in un amen, e collaborò alla nascita del governo con squisita correttezza. Del Caimano non si vide neanche la coda. Questa volta, dopo la condanna ribadita dalla Cassazione, ha fatto un discorsetto in televisione e ha parlato ad un migliaio di italo-forzuti dal palco allestito sotto Palazzo Grazioli. Com’era ampiamente prevedibile non ha rovesciato il tavolo. Si è mostrato ferito ma responsabile, promettendo lealtà al governo Letta, e già pregustando in cuor suo l’effetto del suo status di condannato in via definitiva tra gli alleati di governo del Pd. Le truppe facinorose dei berlusconiani non si sono viste, anche perché non sono mai esistite, a differenza di quelle della sinistra, sulle quali si potrebbe riempire una Bibbia solo con l’elenco delle sigle. Per compensare la delusione, a sinistra ci si è abbandonati all’abituale e meschina pratica del dileggio, descrivendo gli italo-forzuti come dei pensionati senz’arte né parte, caricati sui pullman con una bandieretta in una mano e la paghetta nell’altra. Certo, loro in certe cose sono imbattibili: qualche anno fa, con la loro mitica organizzazione, portarono al Circo Massimo due milioni e mezzo di pecore. Cioè duecentomila secondo la Questura. Parlava Walter Veltroni: «L’Italia», disse, rivolgendosi al gregge, «è un paese migliore della destra che lo governa». E poi ditemi se non è una malattia. Su questa massa di deficienti si potrebbe fare un film epocale. Altro che Caimani, Divi e Diaz, sui cui s’avventano artisti nati in ginocchio.

I SUPER-MAGISTRATI ITALIANI 06/08/2013 L’oligarca/dissidente kazako Ablyazov è stato arrestato qualche giorno fa in Costa Azzurra, mentre se la spassava, sembra, con la sua bionda amante ucraina, allo scopo, sembra, di combattere l’angoscia che gli pesava crudelmente nel petto per la sorte della sua bella famigliola prigioniera in casa propria in Kazakistan. Nonostante questi particolari un po’ miserabili e un po’ piccanti, ai giornali italiani del caso Ablyazov non sembra importare più un piffero, giacché alle gazzette premeva solo sparare sul Berlusca; promosso immantinente allo scoppio del caso – a differenza di tanti altri illustri frequentatori occidentali di Astana – a fraterno amico di Nursultan Nazarbayev, il sultano del Kazakistan; promosso pure lui, e sempre per lo stesso motivo, da spiccio autocrate centro-asiatico ad una specie di Stalin redivivo. Giunge ora notizia che un amico di Ablyazov, Vladimir Kozlov, anch’egli, sembra, mezzo dissidente/mezzo riccone, e leader di “Alga”, formazione erede di “Scelta democratica”, partito kazako di opposizione, è stato condannato definitivamente dalla Corte Suprema del suo paese per eversione. Kozlov era accusato di aver incitato alla violenza gli operai di un campo petrolifero di una remota città del Kazakistan occidentale. Gli scontri degenerarono in un massacro: la polizia sparò sui manifestanti lasciando sul posto, secondo le fonti governative, 14 morti (una settantina secondo le fonti dell’opposizione). Per la giustizia kazaka l’intento di Kozlov era quello di rovesciare il governo. Per questo nefandissimo crimine, vero o falso che sia, a Kozlov i giudici kazaki hanno appioppato sette anni di carcere. A dire il vero questi giudici kazaki mi sembrano delle mezze calzette, confrontati ai nostri almeno. All’oligarca/dissidente Berlusconi i nostri supereroi sono riusciti a dare sette anni solo per i peccatucci della pochade Ruby Rubacuori: fossi Nazarbayev me li porterei tutti in Kazakistan.

LADY GAGA 07/08/2013 Il caso sta diventando eclatante. Quando la Russia si chiamava Unione Sovietica e l’Unione Sovietica era l’Impero del Male coi suoi Arcipelaghi Gulag, con le sue file davanti ai negozi, con le sue parate militari, di intellettuali e artisti che se la prendessero apertamente col Moloch sovietico se ne trovavano pochissimi. Il rischio era quello di passare per anti-comunisti, per servi degli amerikani, o addirittura per fascisti fatti e finiti. In breve: quello di sparire dalla società civile. Da quando invece la Russia è tornata la cara vecchia Russia di sempre, con le sue manie e con le sue manchevolezze, pigra, smisurata, cesaropapista, insicura, complessata, arrogante, timorosa del bastone e quindi ancora zarista nell’animo; e tuttavia cento volte più libera, salda, democratica e pasciuta di quella comunista; per i cretini sopramenzionati la Russia è diventata davvero l’Impero del Male. Quegli stessi che un giorno tacevano, e i loro figli spirituali, ora fanno a gara nel prendere a pesci in faccia la terribile Russia di Putin, assurta a simbolo del più gretto conservatorismo. Fa bene quindi Lady Gaga a scrivere su Twitter: «Il governo russo è criminale. L’oppressione sarà combattuta con la rivoluzione. Popolo LGBT non sei solo. Combatteremo per la tua libertà». Il rischio infatti è nullo: se sbarchi a Mosca al massimo ti sbattono fuori tra gli applausi di mezzo mondo, e forse ti danno il Nobel per la Pace; se invece resti a casa vellichi i capricci delle potenti comari progressiste. In breve: un posto di rilievo nel politburo delle arti, con tutti i suoi connessi vantaggi, non te lo leva nessuno.

BARACK OBAMA 08/08/2013 Al “Tonight Show” di Jay Leno l’Abbronzato – lo chiamo “Abbronzato” per solidarietà al Berlusca, e perché la battuta in realtà era simpatica e simpatetica – ha avuto parole dure verso la Russia di Putin sulla questione dei diritti di gay e lesbiche. Ma ha poi ammesso che non è solo una questione russa. Anche nel suo ultimo tour africano… Già, dovete sapere infatti che nel suo recente viaggio nel continente nero Barack ha perorato la causa dei diritti degli omosessuali. I poveri capi di stato da lui incontrati, superato a fatica un iniziale sbalordimento, non sapevano da che parte incominciare per spiegare al marziano della Casa Bianca che in paesi dove manco la libertà è spesso la prima delle preoccupazioni, paesi spesso piagati da lotte tribali ed etniche, dove si muore ancora per una malattia endemica o per malnutrizione, e dove magari si mutilano i genitali delle bambine, la gente non sa nemmeno con sicurezza cosa significhi la parola “omosessuale” o “gay”: è ancora ferma, nel migliore dei casi, a quella rustica e ancestrale di “recchione”. E ci vorrà minimo lo spazio di una generazione, anche in un mondo globalizzato che corre terribilmente in fretta, solo per superare questo gigantesco scoglio lessicale.

EUGENIO SCALFARI 09/08/2013 La cosa più divertente è stata vedere tanti babbei darsi la pena di rispondere alle domande che il Papa Laico, dal pulpito de “La Repubblica”, ha rivolto a Papa Francesco, dopo un lungo prologo complimentoso, adulatorio, equivoco, ma quasi intriso di una sofferta speranza, che il vecchio gigione, godendo in anticipo, ha trafitto alla fine con un «ho una cultura illuminista e non cerco Dio», fatto apposta per muovere i sullodati babbei alla commozione e alle velleità convertitrici. Eppure il fetore di falsità era tremendo. Se anche non avessi conosciuto questo compunto filibustiere a me sarebbe bastato il naso. Lo disse anche il cardinal Bergoglio, in un’omelia pronunciata nel 2005, che il naso è un affare importante per un cristiano: «Fate attenzione, dice Gesù, siate astuti come i serpenti ma molto semplici come colombe, unendo i due aspetti. Il cristiano non può permettersi il lusso di essere un idiota, questo è chiaro. Noi non possiamo permetterci di essere sciocchi perché abbiamo un messaggio di vita molto bello e quindi non possiamo essere frivoli. Per questo motivo Gesù dice: “Siate astuti, state attenti”. Qual è l’astuzia del cristiano? Il saper distinguere fra un lupo e una pecora. E quando, in questo celebrare la vita, un lupo si traveste da pecora, è saper riconoscere quale sia il suo odore.» Quindi, cari amici, state alla larga dal puzzone Scalfari. Pensate piuttosto a Ruby Rubacuori, che mi sembra persona antropologicamente molto migliore del puzzone, e forse non del tutto perduta. Oppure lasciate fare a me, che uso la clava coi servi di Satana.